• Shortcuts : 'n' next unread feed - 'p' previous unread feed • Styles : 1 2

» Publishers, Monetize your RSS feeds with FeedShow:  More infos  (Show/Hide Ads)


Date: Wednesday, 30 Jul 2014 07:00

Tunisia, le città da visitare

E’ qualche tempo che non parliamo della Tunisia, uscita dal mirino del turismo internazionale nel 2011, a causa della grave situazione interna che, francamente, sconsigliava i viaggi turistici in quel paese. Ora la situazione sta tornando alla normalità, con una nuova costituzione, un nuovo governo che anche i tunisini hanno imparato a chiamare tecnico, e la revoca dello stato di emergenza, anche se l’esercito rimane sempre in stato di pre - allerta.

In questo momento la situazione appare tranquilla (per i turisti intendo) sulle località della costa e nella maggiori destinazioni turistiche, per il comune interesse, dei governanti e dei governati, di preservare la maggiore fonte di introiti del paese; il turismo. Da evitare le zone al confine con la Libia, vista la situazione politica di quel paese, ugualmente quelle al confine con l’Algeria, e le periferie di Tunisi, dove la crisi economica ha colpito più duramente i tunisini.

La nostra ambasciata a Tunisi si trova al 3 di rue de Russie, il telefono della cancelleria del consolato è +216 71328748, si parla comunemente l’arabo e il francese, ma ad Hammamet capiscono anche l’italiano, il giorno festivo è il venerdì, si viaggia con il passaporto o la carta d’identità valida per l’espatrio e la moneta tunisina è il dinaro tunisino (qui il cambio).

Dove andare in Tunisia

    Hammamet, normalmente 20.000 persone, 70.000 quando arriviamo noi turisti, nel nord della Tunisia, probabilmente è la località tunisina più nota agli italiani, perché vi visse e vi morì Bettino Craxi (sepolto nel locale cimitero cristiano). La Media, la piccola Kasbah, la grande moschea, la villa di George Sebastian, che ospita il Centro Culturale ed il Festival Internazionale di Hammamet, e naturalmente la spiaggia.

    Tunisi, la capitale del paese, che con la città metropolitana, supera i due milioni di abitanti. Nel nord del paese, non lontana dall’area archeologica di Cartagine, che è uno delle sue principali attrazioni, non fosse per altro che per dare una spolverata ai nostri ricordi di scuola. La Medina e il Suq en Nhas, almeno una moschea (Zitouna, Sidi Youssef o Sidi Mehres), la Cattedrale di San Vincenzo de’ Paoli, la cinta muraria e le sue porte, il museo del Bardo, che contiene la più grande collezione di mosaici romani del mondo, e il parco del Belvedere, il più antico di Tunisi.

    Susa, Sousse in francese, 173.000 abitanti per la terza città del paese. Sulla costa sotto Hammamet, la sua Medina compare nella lista del Patrimoni dell’umanità dall’UNESCO. E poi la Kasbah, Ribat, il forte della città, la grande moschea, il museo archeologico e la passeggiata sul lungomare.

    Gerba è la più grande isola del Nord Africa, a poca distanza dalle coste meridionali della Tunisia. 140.000 stanziali, che ancora parlano il berbero, un’importante comunità ebraica, e tantissimi turisti tedeschi, francesi ed italiani. Mare, mare e immersioni subacquee e poi ancora mare; e se vi stufate, il museo di Guellala, la sinagoga e il parco con i coccodrilli.
    Monastir 70.000 abitanti sulla costa, poco sotto Susa, a circa 160 chilometri di distanza da Tunisi. Per fare il mare ci si ferma nella vicina Skanes, dove si trova una buona offerta di alberghi e ristoranti. A Monastir (monastero) si visitano il Ribat, il monastero-fortezza simbolo della città con il suo museo Islamico, la moderna Medina, il faraonico Mausoleo di Bourghiba
    Port El Kantaoui, una località turistica sulla costa ad appena 10 chilometri da Susa, che si è sviluppata intorno ad una moderna marina, dove non è difficile ammirare lussuose imbarcazioni, degne del jet-sete internazionale. Un paese dai colori (bianco e blu) e dalle architetture tradizionali tunisine, ma completamente nuovo; basta contare i bar, parchi acquatici e night club per capirlo.

    Mahdia, 50.000 abitanti, sempre sulla costa, un po’ più a sud di Susa. Famosa in tutta la Tunisia per le sue spiagge di sabbia bianca. Qui si viene soprattutto per fare mare.
    Tozeur, un’oasi ai margini del deserto del Sahara, circondata da palmeti, dove vivono 30.000 abitanti. Famosa per le sue costruzioni in mattoni gialli e marroni, con le facciate ornate da motivi geometrici, tipici della cultura araba. La città vecchia, il Tamerza Canyon, con la sua piccola cascata, e l’hotel dove hanno girato Guerre Stellari.
    El Jem, 15.000 abitanti ad una cinquantina di chilometri all’interno da Susa. Qui ci viene per il suo famoso anfiteatro romano, il terzo per capienza dell’impero romano, ancora oggi ben conservato, e tutelato dall’UNESCO. E visto che siete arrivati fin qui, vale anche la pena ammirare i mosaci esposti nel locale Museo Archeologico.
    Zarzis, 70.000 abitanti, sulla costa tunisina davanti all’isola di Gerba. Il mare, la moschea e poi ancora il mare.

Cammelli a Djerba

HammametTunisiSusaGerbaMonastirPort El KantaouiMahdiaTozeurEl JemZarzis

Fotografie Wikimedia Commons.

Tunisia, le 10 città da visitare, con fotografie é stato pubblicato su Travelblog.it alle 09:00 di mercoledì 30 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "le-classifiche-di-travelblog, tunisia"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 30 Jul 2014 06:30

Nuovi voli diretti per la Romania dalla low cost Wizz Air.

La Wizz Air, la compagnia low cost ungherese, che ricordiamo sempre fa pagare 10 euro per portare i trolley in cabina, propone nuovi voli diretti dall’Italia per la Romania.

Questa volta la base italiana e l’aeroporto Karol Wojtyła di Bari, che sarà collegata con due città rumene due volte la settimana. Le città sono quelle di Timisoara, con voli a partire dal 1° novembre, e Cluj (la veduta panoramica nella fotografia si riferisce a quest’ultima), con voli a partire dal 15 marzo 2015.

Il Bari – Timisoara, sarà operato di martedì e sabato, con il volo W63550 che parte da Bari alle 7:35 e atterra in Romania alle 9:55, e con il volo W63549 che parte da Timisoara alle 6:40 per atterrare a Bari alle 7:05.

Il Bari – Cluj, sarà operato sempre di martedì e sabato, con il volo W63398 che parte da Bari alle 7:40 e atterra in Romania alle 10:15, e con il volo W63397 che parte da Cluj alle 6:30 per atterrare a Bari alle 7:10.

Dando notizia del nuovo collegamento da Torino per Timisoara (la piccola Vienna, ma anche l’ottava provincia del Veneto, a causa della delocalizzazione delle imprese venete), avevamo dato qualche indicazione sulle attrazioni della città, la più occidentale della Romania (e quindi, quella più vicina all’Italia).

Cluj, 320.000 abitanti per quella che un tempo era la capitale della Transilvania (a proposito, ora il castello di Bran, più noto per essere il castello di Dracula, è in vendita), è la terza città per abitanti dell’Ungheria, importante per la sua produzione industriale. La Basilica di San Michele, la chiesa benedettina dal Monosto, il Bastione dei Sarti e il giardino botanico, tra le maggiori attrazioni cittadine.

Cluj in Romania

Foto Wikimedia Commons.

Ancora voli low cost per la Romania da Wizz Air é stato pubblicato su Travelblog.it alle 08:30 di mercoledì 30 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "bari, romania, low-cost"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 30 Jul 2014 06:00

Che ne dite se oggi la nostra bussola ci porta sulla fantastica isola di Djerba? Andiamo dunque a scoprire cosa vedere e visitare a Gerba, Tunisia.

Oggi faremo tappa all‘isola di Djerba o Gerba, chiamatela come preferite. Stiamo parlando di una nota isola al largo della Tunisia, la più grande isola del Nordafrica: sita nel golfo di Gabes, è una meta viaggio molto ambita dai turisti. La particolarità di Djerba è che qui potrete ancora sentire parlare la lingua berbera. Arrivare a Djerba è abbastanza facile in quanto ha un suo proprio aeroporto, l’aeroporto di Djerba-Zarzis, ci sono anche parecchi voli low cost che lo utilizzano per le loro tratte. Ma che cosa c’è di bello da vedere a Djerba?

Cosa vedere a Djerba

Cucciolo di cammello sul'isola di Djerba

Foto dell’isola di Djerba

Cucciolo di cammello sul'isola di DjerbaDjerbaIsola di DjerbaResort sull'isola di DjerbaGerba

L’isola di Djerba è famosa per essere la Perla del Mediterraneo: questo titolo vi assicura spiagge bellissime, acque turchesi, palme e sabbia bianca. Le spiagge orientali sono considerate da tutti le migliori (sono attrezzatissime e propongono hotel e resort che affacciano direttamente sul mare), ma questo vuol anche dire che sono quelli più affollate. Il mare è particolarmente limpido, cosa che rende felici tutti gli amanti degli sport acquatici. Se volete hotel, locali, negozietti allora ricordatevi di andare nelle città costiere di Aghit, Midoun (particolarmente ricca di mercatini), Seguia e Sidi Mahrez. Ricordatevi di fare un salto anche alla laguna di Djerba con le sue dune, qui potrete fare delle foto spettacolari. Se invece amate i cammelli, è possibile fare escursioni anche di più giorni a dorso di cammello, soprattutto sulle dune di sabbia di Douz, mentre per gli amanti dei volatili vale la pena di fare un giro sulla penisola dei Fenicotteri Rosa. Mahboubine, invece, possiede i più bei giardini dell’isola.

Da visitare anche il capoluogo di Djerba, Houmt-Souk: qui troverete delle case bianche che sembrano quasi un alveare, il loro nome è Menzel. Qui ci sono tantissimi alberi di ibisco e i tradizionali souk, ovvero i mercatini con tutto il loro corollario di urla e contrattazioni. Altre città rinomate sono Guellala, patria dell’artigianato locale e sede del Museo del Patrimonio Tradizionale Tunisino e Hara Kbira e Hara Srira. Altra visita da non perdere è quella alla Marina di Djerba, con il porto dei pescatori e le tradizionali anfore per la pesca al polipo. Altra meta preferita dai turisti è la fortezza di Borj el-Kebir.

Djerba ha anche un’altra particolarità: qui si trova una comunità ebraica (anche se il numero di membri si è ridotto soprattutto nel corso del XX secolo). Ecco che allora non può mancare la visita a El Ghriba, un’antica sinagoga molto famosa nel mondo che si trova nel villaggio di Hara Sghira o Er-Riadh. Tutta bianca, finestre e porte azzurre, ricordatevi di andare a vedere i celebri cilindri d’argento. A Djerba poi troverete anche diverse moschee, abbiamo le Moschee dei Turchi e la Zaouia di Sidi Brahim.

L'isola di Djerba, cosa vedere e visitare a Gerba é stato pubblicato su Travelblog.it alle 08:00 di mercoledì 30 luglio 2014.








Author: "Dottoressa Veterinaria Manuela" Tags: "tunisia, cosa-vedere, in-africa"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Tuesday, 29 Jul 2014 11:54

Non c’è crisi che tenga, anche quest’anno l’esodo estivo non farà mancare i tradizionali weekend da bollino rosso per il traffico in autostrada. Si comincia proprio tra pochi giorni, nel fine settimana del 2 e 3 agosto si prevedono grandi fughe dalle città in direzione mare e monti. Mare in particolare, visto che già a partire da venerdì 1 si temono ingorghi sulla A14, l’autostrada adriatica che porta alle classicissime mete di Rimini e Riccione.

In generale sono da attendersi grossi ingorghi sulla l’autostrada del Sole che da Milano porta a Napoli, soprattutto nel tratto tra Modena e Bologna che è sempre parecchio difficoltoso attraversare. Fari puntati anche sulla Salerno-Reggio Calabria, anche se i tanti (infiniti) cantieri verranno in gran parte chiusi per consentire un traffico più fluido. Infine, bollino rosso anche sulla A22, da Bolzano in direzione del confine austriaco.

Per la precisione (e per capire meglio a che ora conviene partire) sia il mattino che il pomeriggio di venerdì e sabato prossimi sono considerati da bollino rosso, la domenica è rossa invece solo la mattina. Ancora verde la notte, che rimane il momento più consigliato per partire (se non siete facile vittima dei colpi di sonno) anche per il fresco. Per i rientri dalle mete turistiche, il weekend si presenta ovviamente leggero, bollino giallo solo per il mattino di sabato 2.

In generale, se dovete partire per le vacanze, l’unico weekend che è veramente da evitare è però quello del 9 e 10 agosto, che sarà catalogato alla voce “bollino nero”, unico fine settimana di questo tipo e ulteriore segnale del fatto che le vacanze degli italiani sono sempre più scaglionate. I venti bollini rossi che lo circondano, infatti, sono partiti addirittura il 18 luglio e si concluderanno il 9 settembre, ultimo giorno in cui ancora parte degli italiani si recherà in vacanza.

FRANCE-TRANSPORTS-SUMMER-HOLIDAYS

Traffico autostradale: il primo weekend di agosto è già bollino rosso é stato pubblicato su Travelblog.it alle 13:54 di martedì 29 luglio 2014.








Author: "Andrea Signorelli" Tags: "automobile, mezzi-di-trasporto, notizie"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Tuesday, 29 Jul 2014 08:00

Se siete degli adolescenti negli Stati Uniti, dove trascorrere le vacanze? Ecco dieci mete ideali di viaggio per adolescenti in vacanza. Nel video potete vedere il Water Park Capital of the World.

Andare in vacanza con degli adolescenti non è sempre facile: trascorrere 15 giorni in compagnia di musoni sempre attaccati al cellulare può non essere divertente. Eppure negli Stati Uniti ci sono dieci mete viaggio ideali per gli adolescenti in vacanza, destinazioni così scenograficamente impressionanti da far abbandonare temporaneamente i loro cellulari o da strappargli magari un mezzo sorriso o un vago cenno di approvazione. Lo so che gli adolescenti vorrebbero trascorrere le vacanze a casa con gli amici o appiccicati al telefono e al computer, eppure questi dieci posti hanno vinto dei premi nel concorso Best Teen Destination: andiamo dunque a scoprire quali sono.

Dieci vacanze ideali per adolescenti negli Usa

Waikiki Oahu

Al primo posto si piazza Waikiki, Oahu, Hawaii (nella foto). Spiagge bellissime, sole, palme, a Waikiki gli adolescenti possono fare ciò che gli riesce meglio: oziare, osservare la gente e anche fare shopping. E per i meno pigri, ci sono delle onde da urlo. Al secondo posto troviamo il Water Park Capital of the World a Wisconsin Dells: pare che sia un successone fra i teenager. Cinema 4-D, capsule di lancio che precipitano, piscine, c’è di che far divertire tutta la famiglia.

Terzo posto per New York City: qui potrete tentare di distrarre i vostri figli adolescenti con lo shopping sulla 5th Avenue, fette giganti di pizza e potrete fargli visitare i siti dove sono ambientati famosi serial televisivi, come per esempio Gossip Girl. Quarto posto per Jackson Hole: qui gli adolescenti potranno entrare a contatto con due dei parchi nazionali più belli degli Stati Uniti, lo Yellowstone National Park e il Grand Teton National Park. Inoltre potranno scegliere fra escursioni a piedi, in bicicletta, potranno andare a pesca e tanto altro ancora.

Quinto posto per Park City: questa location è nota soprattutto d’inverno per lo sci e lo snowboard, ma non è da sottovalutare neanche d’estate quando si può andare in mongolfiera, fare rafting, giocare a golf, fare escursioni i mountain bike. E le mamme potranno rilassarsi alle terme. Sesto posto per Maui, a Kaanapali: qui troverete una delle spiagge più belle delle Hawaii. Qui gli adolescenti potranno stare sdraiati sulla spiaggia, destreggiarsi fra sport acquatici e ammirare l’alba sul vulcano Haleakala.

Al settimo posto troviamo Chicago, qui i giovanissimi potranno sperimentare l’emozione di una grande città, fra hot dog e ben sette squadre sportive da ammirare dal vivo. Ottavo posto per San Diego, in California, bellissima città che si affaccia sull’oceano. Qui i teenager potranno imparare a fare surf, potranno andare in kayak a visitare le grotte o rilassarsi al sole.

Nono posto per Orlando, in Florida: avete solo l’imbarazzo della scelta con gli Hollywood Studios, gli Universal Studios, gli svariati parchi Disney, quello dedicato a Harry Potter, oltre a tutti i ristoranti e luoghi dello shopping della zona. Decimo e ultimo posto per Gatlinburg, qui troverete il Great Smoky Mountains National Park, con possibilità di fare rafting o di utilizzare la funivia. E qui d’inverno si scia.

Via | 10Best

Foto | Alan Light

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Stati Uniti: dieci vacanze ideali per adolescenti é stato pubblicato su Travelblog.it alle 10:00 di martedì 29 luglio 2014.








Author: "Dottoressa Veterinaria Manuela" Tags: "stati-uniti"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Tuesday, 29 Jul 2014 07:45

Niente visti per la Mongolia, almeno fino al 31 dicembre 2015.

Da molti anni in Mongolia c’è chi ha tentato di aprire il proprio paese, e il suo vasto territorio, ai turisti. Molti sforzi sono stati fatti in questa direzione, e ora pare che qualcosa si a cambiato in quel lontanissimo paese. Un’occasione per godere, più facilmente, dell’ospitalità della Mongolia.

La spinta decisiva l’hanno data i dati sul turismo internazionale in entrata in Mongolia, con numeri in rosso, a segnalare un decremento del turismo nel paese. Meno turisti, meno soldi, soprattutto meno moneta pregiata, più difficoltà per l’economia della Mongolia.

E così il governo mongolo è corso ai ripari, ed ha legiferato, rendendo meno rigida la normativa relativa all’ottenimento dei visti per entrare nel paese.

Ma soprattutto dallo scorso 25 giugno fino al 31 dicembre 2015 (poi si vedrà), i cittadini provenienti da 42 paesi di tutto il mondo, potranno entrare in Mongolia senza richiedere il visto. Tra questi paesi, anche l’Italia.

Si può entrare in Mongolia senza visto per 30 giorni, a partire dalla data di entrata. Come l’unico requisito, un passaporto con almeno 6 mesi di validità residui (come si rinnova il passaporto?, ma soprattutto servono le marche da bollo?).

In Mongolia le lingue straniere più diffuse sono il russo, l’inglese e il tedesco, non esiste una ambasciata italiana, la moneta è il Tughrik (vedi il cambio con l’Euro), i periodi migliori per viaggiare sono agosto e settembre, luglio il più interessante perché si festeggia il Naadam, e di solito ci si arriva in aereo, via Russia (documenti per visitare la Russia) o Cina.

La notizia sul sito dell’ambasciata della Mongolia a Londra.

Vedi anche Da Roma alla Mongolia in Clio, Strani edifici del mondo: l’Ordos Museum, in Mongolia e Itinerario in Mongolia nel Deserto dei Gobi e al festival del Naadam.

Viaggi in Mongolia

Foto Wikimedia Commons.

Niente visti per la Mongolia (almeno per un po') é stato pubblicato su Travelblog.it alle 09:45 di martedì 29 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "documenti-di-viaggio, mongolia"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Tuesday, 29 Jul 2014 07:00

Non c’è niente da fare: la Spagna si conferma come la terra del divertimento e della movida. Con le sue spiagge, poi, diventa la meta estiva per eccellenza, soprattutto dei giovani.

Ogni regione della Spagna ha le sue coste, con spiagge che si differenziano per dimensione, fondali, vegetazione e clima. Vediamo una per una quali sono le coste spagnole e le spiagge più caratteristiche.

Costa Blanca: la Costa Blanca (o Bianca), è una zona costiera della Spagna che si affaccia sul Mar Mediterraneo, tra Capo de la Nao e Capo di Gata. Con un litorale lungo 280 chilometri, la Costa Blanca comprende le principali destinazioni turistiche spagnole, come Benidorm, stazione balneare simbolo del turismo, Alicante, Calpe, meta degli amanti dell’arrampicata per il Peñón de Ifach, Altea, Elche coi suoi palmeti, Javea e Villajoyosa. E ancora: Santa Pola, El Campello, Guadalest e Guardamar del Segura.

Costa Brava: la Costa Brava è una regione costiera della Catalogna, nella provincia di Girona, che si affaccia sul Mediterraneo. Il suo nome deriva dalla caratteristica delle sue coste, molto alte. E’un’altra meta estiva molto frequentata, con le sue località turistiche e le sue spiagge fitte di vegetazione. Le sue principali destinazioni sono: Portbou, Cadaqués, Roses, l’Escala, Estartit, Palafrugell, Palamós, Playa de Aro, Tossa de Mar, Lloret de Mar, la capitale del divertimento della Costa Brava e i giardini botanici di Blanes. A Matarò si trovano 5 km di spiagge sempre affollate e attrezzatissime, così come a Sant Pere Pescador, situata in una delle più belle baie del Mediterraneo.

Costa Daurada: la Costa Dorada (o Daurada, in catalano), è lunga 216 chilometri, con circa 800 ettari di spiagge spaziose e acque trasparenti. Si estende da Barcellona fino alle foci dell’Ebro. Le principali destinazioni turistiche di questa costa sono: Tarragona, Reus, Valls, Montblanc e Tortosa. Santes Creus e Scala Dei offrono interessanti monasteri medievali, mentre Calafell è nota per la sua posizione su un’altura. In tutto sono 20 le principali città della Costa Dorada, che deve il suo nome al colore caldo e brillante della sabbia e per l’ottimo clima, caratteristiche che attirano oltre 3 milioni di visitatori all’anno.

Costa dell’Azahar: conosciuta in italiano come “Costa della Zagara”, questo tratto di costa si trova nel Mare Balearico, nella provincia di Castellón, Valenzia e Alicante. Il suo nome deriva da quello dei fiori d’arancio, di cui la zona è ricca. 120 chilometri di spiagge e cale sono il suo paesaggio principale, con splendide località marittime come Vinaroz, Benicarló, Peñíscola, Oropesa del Mar, Benicassim e Moncófar ma anche la Sierra de Irta, massiccio montagnoso parallelo al mare.

Costa del Sol: circa 161 chilometri di litorale corrispondente alla provincia di Malaga, nel Mediterraneo, questa è la Costa del Sol. Prende il nome dal sole, presente praticamente tutto l’anno, con temperature medie che non scendono mai al di sotto dei  22°, agevolando il turismo che si concentra soprattutto a Marbella, Torremolinos, Fuengirola, Estepona, Mijas, Benalmadena, Nerja, Casares e Malaga.

Credits | Wikipedia, Getty Images

 

Le coste spagnole del Mediterraneo

Le coste spagnole del Mediterraneo

Le coste spagnole del MediterraneoMalagaRosesRosesLloret De MarMalaga

Le coste spagnole sul Mediterraneo é stato pubblicato su Travelblog.it alle 09:00 di martedì 29 luglio 2014.








Author: "Angela Iannone" Tags: "spiaggepiubelle, estate-2014, spagna"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Tuesday, 29 Jul 2014 06:39

Ieri, 28 luglio 2014, è stato inaugurato il Sentiero Europeo della Pace.

Ieri l’Impero d’Austria e Ungheria ha dichiarato guerra alla Serbia, in conseguenza dell’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando, avvenuto un mese prima a Sarajevo. Oggi si attendono le reazioni delle altre potenze europee. 29 luglio 1914, ancora non lo sapevano, ma la Prima Guerra Mondiale era iniziata il giorno prima.

Quella che nei piani dei militari avrebbe dovuto essere una guerra lampo, si sarebbe poi conclusa definitivamente l’11 novembre del 1918; quattro anni dopo. Quattro anni durante i quali si contarono 9 milioni di morti tra i militari, 7 milioni di morti tra i civili.

Ma quell’immensa carneficina non bastò a tracciare nelle nostre menti l’idea Mai Più; una carneficina ancora più grande attendeva il suo tempo tra le macerie d’Europa. Mai più guerre in Europa, sembrava fatta dopo la seconda guerra mondiale, ma le guerre nei Balcani prima, e quella in Ucraina oggi, dicono che la pace non è per sempre; va coltivata.

Innanzitutto con il ricordo condiviso di quell’immane tragedia; Mai Più. E poi con iniziative come quella lanciata ieri dell’European Peace Walk, Il Sentiero Europeo della Pace.

Ieri, a cent’anni da quella data, il 28 luglio 1914, il primo gruppo di persone è partito da Vienna, per percorre a piedi i 550 chilometri che la separano da Trieste. Oggi un altro gruppo è in partenza sullo stesso sentiero, ed anche domani e dopodomani.

Per due settimane, ogni giorno, un gruppo di 50 persone partirà per compiere in 23 giorni questa “passeggiata storica”, attraverso 6 stati europei, feroci nemici ieri, alleati europei oggi. Per ricordare e condividere il nostro Mai Più.

Mobilitazione Generale

Foto Wikimedia Commons.

Da Vienna a Trieste, inaugurato il Sentiero Europeo della Pace é stato pubblicato su Travelblog.it alle 08:39 di martedì 29 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "a-piedi, vienna, trieste, attualita"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Monday, 28 Jul 2014 07:00

Acque cristalline, spiagge fantastiche, fondali ricchi di pesci dove fare snorkeling. Pensate che tutto questo si trovi solo all’estero, in qualche esotica località? Beh, vi sbagliate: l’Italia è ricca di spiagge dove trascorrere le vostre vacanze estive.

Località meravigliose a pochi chilometri da voi, molte riconosciute anche a livello internazionale con la Bandiera Blu: questo 2014 infatti ha visto crescere il record di spiagge pulite ed efficienti, salite a 269 in 140 comuni italiani.
Il primato spetta ancora alla Liguria, con 20 località premiate, seguita dalle 18 spiagge toscane e 17 delle Marche. L’elenco prosegue con la Campania, Puglia ed Emilia Romagna, Veneto e Lazio, Sardegna  e Sicilia.

Ecco allora per voi una lista di spiagge imperdibili da raggiungere per coronare il vostro sogno estivo. Nota bene: non è una classifica, semplicemente un elenco:

1) Pollica: la perla del Cilento vanta località costiere come Acciaroli e Pioppi

2) Gaeta: piccolo comune della provincia di Latina, ha ottenuto la Bandiera blu per le sue sette spiagge (la spiaggia dell’Arenauta, meglio conosciuta come dei “Trecento scalini” è molto frequentata dagli amanti del naturismo)

3) Pietra Ligure: il comune della provincia di Savona vanta una costa sabbiosa meta preferita di molti turisti

4) Lampedusa: l’isoletta dell’arcipelago delle Pelagie non è nota solo per gli sbarchi di migranti, ma anche per spiagge dorate, come la spiaggia dei Conigli, ideale per chi ama lo snorkeling

5) Chioggia: famosa per la spiaggia di Sottomarina, apprezzata in tutto il litorale per la qualità della sua sabbia, finissima e le sue acque pulite

6) Stintino: il piccolo comune della provincia di Sassari vanta spiagge favolose, come la spiaggia de La Pelosa, contraddistinta da una sabbia  bianca finissima e dal mare azzurro-turchese dal fondale molto basso

7) Capalbio: nel comune del grossetano si trova la Spiaggia di Chiarone, a pochi chilometri a sud della Laguna di Orbetello. Litorale lungo e profondo, spiaggia dorata e mare azzurro sono le sue caratteristiche

8) Favignana: isolotto della provincia di Trapani, appartenenti alle Egadi, Favignana presenta tante bellissime spiagge su scogliere e cale. Tra queste c’è Cala Rossa, Cala Grande e Lido Burrone

9) Friuli Venezia Giulia: Bandiera Blu per due spiagge friuli, precisamente Grado, a Gorizia e Lignano Sabbiadoro, in provincia di Udine

10) Nardò: in provincia di Lecce, qui si trova il Parco Regionale di Porto Selvaggio e la Palude del Capitano

11) Praia a Mare: cittadina della provincia di Cosenza, è famosa per la sua omonima spiaggia caratterizzata da un litorale ampio e sabbioso e da un mare azzurro con fondali perfetti per immersioni

12) Gatteo a mare: la spiaggia prende il nome dalla città in provincia di Cesena-Forlì. Lungo litorale, spiagge sabbiose, acque limpide

13) Conero: la fascia costiera a sud di Ancona è famosa per le sue spiagge appartenenti all’area naturalistica del Conero. Tra le spiagge, vanno sicuramente menzionate La vela (scogliosa) a Portonovo e quella dei Sassi Neri a Sirolo, lunga, libera e sabbiosa.

 

 

Credits | Wikipedia

Le spiagge più belle d'Italia
Le spiagge più belle d’Italia Le spiagge più belle d'Italia Le spiagge più belle d'Italia Le spiagge più belle d'Italia Le spiagge più belle d'Italia

Le più belle spiagge d'Italia é stato pubblicato su Travelblog.it alle 09:00 di lunedì 28 luglio 2014.








Author: "Angela Iannone" Tags: "spiaggepiubelle, attualita, estate-2014"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Monday, 28 Jul 2014 06:25

Voli low cost Blue Express per l’Albania

Le 5 più belle spiagge dell’Albania.

Sono già partiti i primi voli diretti low cost sulla nuova tratta Ancona-Tirana della Blue-Express, controllata dalla Blue Panorama, con un ottimo tutto esaurito per il volo inaugurale fatto registrare lo scorso 25 luglio.

Si vola da Ancona nelle Marche a Tirana capitale dell’Albania (nella fotografia due guardie presidenziali albanesi) il lunedì e il venerdì, con partenza da Ancona alle 19 e da Tirana alle 17:10, per un volo di un’ora e venti minuti. Prezzi low cost che partono da 50 euro a tratta tutto incluso.

Alla Blue Express, nonostante il nome si tratta di una compagnia italiana, deve piacere parecchio Tirana come destinazione dei propri voli, visto che Ancona è l’ottava città italiana collegata al paese delle Aquile dalla Blue. Le altre città sono: Milano Malpensa, Bergamo, Venezia, Verona, Bologna, Pisa e Roma Fiumicino.

I voli diretti in partenza dall’aeroporto marchigiano raggiungono Milano Malpensa, Torino, Genova, Bolzano, Roma Fiumicino, Napoli, Brindisi, Lamezia Terme, Reggio Calabria, Catania, Palermo, Trapani, Alghero, Cagliari in Italia, mentre all’estero si vola per Parigi Charles de Gaulle, Bruxelles, Dusseldorf, Berlino, Skopje, e adesso anche Tirana.

Vedi anche Fotografia dall’Albania, il panoramico e bellissimo passo di Llogara in Albania, le spiagge più belle: Kakome in Albania e il castello di Croia in Albania (l’ultima resistenza contro gli ottomani).

Guardie presidenziali a Tirana
Foto Wikimedia Commons.

Voli low cost Blue Express per l'Albania é stato pubblicato su Travelblog.it alle 08:25 di lunedì 28 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "albania, low-cost"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Sunday, 27 Jul 2014 23:47

Dopo aver viaggiato in lungo e in largo per gli Stati Uniti la scorsa settimana, facciamo un salto di qualche migliaio di chilometri per tornare nel cuore dell’Europa, su quel grande mare che ha accompagnato tanti popoli (Fenici, Greci, Romani e molti altri) attraverso fitte pagine di storia.

Tra segreti, ricordi del passato e ovviamente mete turistiche da non perdere, questa settimana sarà la volta del Mar Mediterraneo.

Tra i protagonisti ci sarà la Spagna, con le sue coste e le sue isole: dalla Costa del Sol, con mete come Marbella, Torremolinos o le principali città dell’Andalusia, alla Costa del Azahar e le Baleari, passando per Costa Dorata (Barcellona, Tarragona) e Costa Brava.

Sarà poi la volta della Tunisia, tra l’isola di Djerba e i numerosi siti archeologici (Cartagine, Kerkouane): nel Paese nordafricano proprio qualche giorno fa sono stati festeggiati i 57 anni dalla proclamazione della Repubblica.

Seguirà l’Egitto, che in epoca antica affascinò così tanto lo storico greco Erodoto da essere descritto come ‘dono del Nilo’. E’ notizia di poco tempo fa che la Farnesina ha tolto lo sconsiglio su alcune località turistiche di questo Paese (Sinai e Sharm el-Sheik), che negli ultimi anni ha attraversato imponenti capovolgimenti politici.

Dicevamo di Erodoto. In ogni crociera sul Mediterraneo che si rispetti - sebbene la nostra sia solo ‘immaginaria’ - non può mancare la Grecia, con il suo patrimonio di storia, bellezza…e ovviamente isole: vi porteremo a scoprire quelle più insolite e particolari, insieme a quelle più sconosciute.

E poi c’è la nostra Italia: proprio dal Bel Paese partiremo oggi, con un approfondimento sulle nostre spiagge imperdibili. Restate sintonizzati!

Le bellezze del MediterraneoLe bellezze del MediterraneoLe bellezze del MediterraneoLe bellezze del MediterraneoLe bellezze del MediterraneoLe bellezze del MediterraneoLe bellezze del MediterraneoLe bellezze del MediterraneoLe bellezze del MediterraneoLe bellezze del Mediterraneo

Alla scoperta del Mediterraneo: in viaggio con Travelblog, tutti i nostri suggerimenti é stato pubblicato su Travelblog.it alle 01:47 di lunedì 28 luglio 2014.








Author: "Arianna Ascione" Tags: "crociere"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Sunday, 27 Jul 2014 07:55

Alle Bahamas sull’isola di Eleuthera, alla ricerca delle spiagge più belle del mondo.

Dopo Cayo Sombrero in Venezuela, sbarchiamo (almeno con l’immaginazione) sull’isola di Eleuthera (e qui chi ha fatto il classico, saprà che si tratta della parola greca per libere) alle Bahamas.

Un’isola strana, lunga e stretta; 180 chilometri di lunghezza per 8 chilometri di larghezza, ma in alcuni punti, anche solo 2-3 chilometri. Meglio così, perché in questo modo si ha la possibilità di assaggiare due diversi versanti di mare.

Il versante orientale, quello che guarda la grande distesa blu dell’Oceano Atlantico, e quello occidentale, dei colori dell’azzurro del bacino “interno” protetto dalla barriera corallina.

Una lunga isola, un po’ diversa dalle altre isole della Bahamas, dove il turismo è solo divertimento, sport e mare. Qui c’è un minimo di storia, quella dei primi insediamenti del XVII secolo, qui c’è la natura incontaminata, del Leon Levy Park, il primo, e per ora unico, parco naturale dell’isola.

Dopo il periodo d’oro, quando qui sbarcavano reali, tra i quali Carlo e Diana ai tempi in cui erano ancora &, o star hollywoodiane come Robert De Niro, l’economia turistica dell’isola ha subito una fase di stallo.

Insomma è stata crisi, crisi che però ha permesso ad Eleuthera di preservare il proprio patrimonio naturale, e riproporsi oggi al turismo internazionale in una veste rinnovata e più completa.

Vedi anche Le spiagge più belle, Half Moon Cay alle Bahamas e le vere Bahamas alle isole Exuma.

eleuthera alle bahamas

Foto Wikimedia Commons.

Le spiagge più belle, Eleuthera alle Bahamas é stato pubblicato su Travelblog.it alle 09:55 di domenica 27 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "spiaggepiubelle, bahamas"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Sunday, 27 Jul 2014 07:46

Il Time Lapse è una tecnica cinematografica che fa si che il tempo in un filmato sembri scorrere più velocemente del normale. Come ad esempio, in questo bel video di Randy che ci mostrano lo stupendo cielo stellato della nostra Via Lattea.

O come ad esempio, in questo video time lapse di Kien Lam, realizzato con 6.237 fotografie, scattate durante 343 giorni di viaggio in 17 diversi stati. Un bel video di viaggio, anche grazie all’ottimo sottofondo musicale.

Un bel video, ed un ottimo sito internet realizzato da Kien Lam, un fotografo e filmaker professionale, che condivide con noi la passione per i viaggi. Un sito di sicura ispirazione, da sfogliare con attenzione.

Vedi anche La vendetta di Montezuma, come evitare la diarrea del viaggiatore, Come affrontare il Jet Lag senza combatterlo: qualche consiglio e I selfie GoPro del viaggio in giro per il mondo di Alex Chacon.

Time Lapse, il giro del mondo in 5 minuti é stato pubblicato su Travelblog.it alle 09:46 di domenica 27 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "video, viaggiatori"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Saturday, 26 Jul 2014 05:41

Il labirinto più grande del mondo si trova in Danimarca.

Progettato e realizzato su 15 ettari di terreno sull’isola danese di Samsø, altrimenti nota per i suoi grandi impianti eolici, il labirinto di Samsø è un tentacolare labirinto che è stato riconosciuto dal Guinness come il più grande labirinto del mondo. Non solo un labirinto però, perché se ci si perde, si può sempre organizzare un pic-nic in una delle tante radure che si trovano tra gli innumerevoli vicoli ciechi.

Formata da oltre 50.000 alberi e cespugli, il colossale labirinto offre ai visitatori un’esperienza davvero unica, anche per i più esperti solutori di labirinti, non fosse altro che per la sua vastità.

Tra i suoi centinaia di metri di percorso, ci sono ben 186 diversi punti dove occorre prendere una decisione; andiamo a destra o a sinistra?. Così difficile che serve un aiuto. E così, ci sono poi dei punti all’interno del parco, dove se si risponde correttamente ad un indovinello in premio si ottiene un aiuto per ritrovare la via d’uscita.

Il labirinto è così grande che in effetti lo si può considerare come un piccolo parco naturale, che ospita più di 25 specie di uccelli e animale dei boschi, come volpi e cervi. E per favore niente panico, perché se è vero che ci si può perdere, è anche vero che dentro il labirinto troverete sempre qualcuno dello staff, pronto a darvi un mano.

Vedi anche Trasferirsi in Danimarca, una guida pratica, Gli eventi per l’estate 2014 in Danimarca e Danimarca: i safari delle ostriche e delle foche.

Samsø Labyrinten
Foto da Visit Samsø.

A Samsø in Danimarca, per il labirinto più grande del mondo é stato pubblicato su Travelblog.it alle 07:41 di sabato 26 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "danimarca"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 25 Jul 2014 11:30


Nell’ultimo weekend di luglio avremo condizioni meteo molto variabili su buona parte dell’Italia.

Il tempo previsto per sabato 26 luglio 2014
Al NORD, in particolare su Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia, avremo temporali per tutta la giornata. Piogge meno intense e sparse sulle altre regioni, dove già dal primo pomeriggio tornerà a splendere il sole. Al CENTRO la mattinata inizierà con piogge sulla Toscana e sulle zone appenniniche, ma il tempo migliorerà nel corso della giornata, salvo qualche isolata pioggerella sulle regioni adriatiche; bel tempo sulla sardegna. Al SUD e in Sicilia avremo sole ovunque e solo qualche classico temporale estivo sulle zone montane. Le temperature minime saliranno sulle due isole maggiori, mentre le massime caleranno sulle regioni del nord e centrali tirreniche.

Il tempo previsto per domenica 27 luglio 2014
Al NORD la giornata inizierà con condizioni di cielo sereno o poco nuvoloso, ma con il passare delle ore torneranno le piogge, seppur deboli, che cadranno soprattutto sulle regioni nord orientali. Al CENTRO il sole splenderà per tutto il giorno su Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna, mentre avremo rovesci pomeridiani su Abruzzo, Marche e Molise. Sole anche al SUD, fatta eccezione per la Campania e la costa adriatica della Puglia dove avremo qualche isolata pioggerella. Lieve calo delle temperature minime e massime su Sardegna e Sicilia che resteranno tendenzialmente stazionarie sulle altre regioni.

arcobaleno

Foto | Flickr

Via | Servizio Meteorologico Aeronautica Militare

Le previsioni meteo per sabato 26 e domenica 27 luglio é stato pubblicato su Travelblog.it alle 13:30 di venerdì 25 luglio 2014.








Author: "Simona Traversini" Tags: "attualita"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 25 Jul 2014 09:26

Più voli per il Brasile con Alitalia; dal prossimo autunno.


San Paolo secondo Giuseppe.

Se la “porta d’ingresso” per gli italiani che emigravano a New York era Ellis Island, per gli Italiani che emigravano in Brasile, la porta era la Casa dell’Immigrante a San Paolo, oggi museo (nella fotografia), dove si doveva sostare in quarantena per almeno una settimana.

San Paolo, 12 milioni di abitanti, è una delle città più importanti del Brasile, la “più italiana” del paese, di cui rappresenta il principale centro industriale ed economico. Si lavora tanto a San Paolo, c’è tanto traffico, ma siamo in Brasile, per cui anche a San Paolo non manca mai la voglia di divertirsi.

San Paolo San Paolo ha due aeroporti commerciali, ma soprattutto ha il più affollato spazio aereo dell’America Latina e dell’Emisfero Australe. Insomma, la maggior parte dei voli da e per il Brasile arrivano a San Paolo.

Qui arriva anche l’Alitalia che ha deciso di incrementare, da 7 a 10, i propri voli in arrivo da Roma Fiumicino a partire dal prossimo 30 ottobre. Al giornaliero che parte da Roma alle 22:25 e da San Paolo alle 17:20, si aggiungerà il volo AZ678 che partirà da Fiumicino alle 10:20 (martedì, giovedì e sabato) e il volo
AZ679 che partirà da San Paolo alle 22:10 (sempre martedì, giovedì e sabato).

Nei giorni scorsi, Alitalia ed Ethiad hanno formalmente annunciato l’intesa per cui gli arabi acquisteranno il 49% della proprietà del vettore italiano, con un investimento di 560 milioni di euro. È un’ottima notizia, e non solo perché senza questo accordo, Alitalia sarebbe fallita prima del prossimo Natale. Continua ….

Memorial do Imigrante in Brasile

Foto Wikimedia Commons.

Più voli per il Brasile con Alitalia é stato pubblicato su Travelblog.it alle 11:26 di venerdì 25 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "roma, brasile"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 25 Jul 2014 09:22


La nostra serie di quiz prosegue nell’acqua fra scivoli e tunnel per gli amanti dell’adrenalina e piscine con onde artificiali per i più “tranquilli”.

Pronti a tuffarvi in questa nuova avventura? Oggi andiamo in Spagna a vedere un maestoso parco acquatico la cui attrazione più conosciuta e adrenalinica è la tower of power, uno scivolo quasi verticale di ben 28 metri che, udite udite, attraversa un tubo trasparente all’interno di una vasca di squali prima di finire la corsa in una tranquilla piscina…

quiz1agosto

Foto | Flickr

Travelquiz della settimana: i parchi acquatici più divertenti d'Europa (1) é stato pubblicato su Travelblog.it alle 11:22 di venerdì 25 luglio 2014.








Author: "Simona Traversini" Tags: "viaggiatori, sondaggi"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 25 Jul 2014 06:30

Che ne dite se oggi andiamo a dare qualche consiglio su cosa fare e vedere a Los Angeles? La città californiana offre molti spunti per attività adatte ad ogni esigenza.

Oggi ci spostiamo a Los Angeles: andiamo a vedere cosa fare in questa città californiana in cui annoiarsi è impossibile. Come al solito tutto dipende da quanto tempo avete a disposizione: in questa guida forniremo una panoramica generale delle principali attività da fare a Los Angeles, inclusi i siti di interesse principali, ma se siete fortunelli e potete trascorrervi più di qualche giorno, allora nulla vi vieta di visitare anche i luoghi meno noti al grande pubblico. E ora, tutti a Los Angeles, Hollywood e Venice Beach ci aspettano.

Cosa fare e vedere a Los Angeles

Kodak Theatre

Siti di interesse a Los Angeles

Kodak TheatreRodeo DriveSanta Monica PierVenice BeachHollywood - Walk of Fame

Dunque, partiamo dal cinema. Di sicuro dovete andare a vedere uno dei tre studios principali: gli Universal Studios, Paramount Studios e Walt Disney Studios. Personalmente sono andata agli Universal Studios, assolutamente mitici. Se volete girarli tutti e non perdere niente, evitate di fermarvi a mangiare a pranzo, un panino e via. La prima parte è dedicata alle attrazioni come la casa dei fantasmi (da percorrere a piedi con tanto di figuranti che saltano fuori per spaventarti), mentre la seconda, con tanto di comodo trenino, vi conduce attraverso i set di famosi film e telefilm (segnalo Psycho, Jurassic Park e lo Squalo). Inoltre dovete assolutamente andare a scattare qualche foto all’ex Kodak Theatre ora Dolby Theatre (grazie all’utent eUsatv per la precisazione) e all’Hollywood Walk of Fame: qui troverete figuranti che per qualche dollaro vorranno farsi scattare delle foto, lo so, è molto commerciale, ma a Darth Vader non ho resistito. E la scritta Hollywood? Beh, dovete accontentarvi di fotografarla da lontano, l’accesso alla collina su cui è collocata è vietato.

Gli amanti della moda potranno passeggiare per le celebri vie di Beverly Hills, Rodeo Drive e Sunset Boulevard vi aspettano. A meno che non siate Paperon de Paperoni i negozi qui hanno prezzi proibitivi, ma ogni tanto si vede passeggiare qualche star. Un consiglio: per mangiare spostatevi un paio di vie più in là e i prezzi ritornano accessibili.

Gli amanti dell’arte devono dirigere i loro passi verso Downtown e West Los Angeles: qui troverete musei come il MOCA, il LACMA, l’Armand Hammer Museum of Art, l’Università della California e il Westwood Memorial Park con la tomba di Marilyn Monroe.

E poi ci sono le spiagge, chilometriche, infinite: potete sbizzarrirvi fra Venice Beach e Santa Monica, quest’ultima con il suo famoso molo, il Santa Monica Pier e il luna park old style. E se volete unire spiagge e star del cinema e della musica, allora è a Malibù che dovete andare.

Cosa fare a Los Angeles é stato pubblicato su Travelblog.it alle 08:30 di venerdì 25 luglio 2014.








Author: "Dottoressa Veterinaria Manuela" Tags: "los-angeles, cosa-vedere"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 25 Jul 2014 06:07

Gli argomenti di viaggio degli italiani.

Come volare low cost.

La crisi economica sta colpendo sempre più duramente gli italiani con inevitabili tagli sui consumi, in particolare su quelli ritenuti non indispensabili: tra questi, i viaggi e le vacanze che, nel nostro Paese, sono soggetti a tagli più o meno drastici con un cambio delle abitudini riguardo a modalità di trasporto, pernottamenti, etc.

Lo scorso febbraio l’Istat aveva pubblicato dei dati in base ai quali gli italiani hanno effettuato nel 2013 il 19,8% di viaggi in meno rispetto all’anno precedente e il numero delle notti si è contemporaneamente ridotto del 16,8%. Ciò è accompagnato anche da una crescente tendenza da parte degli italiani a ricercare delle modalità di viaggio economiche.

Aspetti che vengono confermati da questo studio di Allianz Global Assistance, che evidenzia come in Italia i tre argomenti più discussi in rete a proposito di viaggi sono: risparmiare ricorrendo a soluzioni low cost, (215.951 messaggi postati), un tema che stacca i consigli e informazioni sulle varie mete turistiche (169.389), e la ricerca di un/a compagno/a di viaggio (128.275).

La crisi economica ci ha sicuramente indotto a destreggiarci tra offerte e promozioni pur di non perdere la possibilità di andare in vacanza. Nel web si assiste pertanto ad un acceso confronto sulle compagnie aeree low cost e su altre opportunità di risparmio: temi affrontati anche da altri consumatori europei e mondiali ma che, nel nostro Paese, sono di gran lunga quelli più discussi.

Due temi rientrano nella top 10 italiana, a conferma del nostro diverso modo di vivere e pensare; diversamente da tutti gli altri Paesi analizzati dallo studio, in Italia c’è grande interesse nella ricerca di ristoranti e enogastronomia di qualità (89.932) e nel confronto sui vari disagi e le delusioni che possono verificarsi in viaggio, in particolare la cancellazione di voli o di altri servizi (31.518).

Maa non sono solo questi due aspetti a renderci, noi italiani, viaggiatori atipici rispetto a quelli del resto d’Europa e del mondo.

Nonostante la ricerca del risparmio contraddistingua le conversazioni italiane, il campeggio non è un tema dibattuto in rete a differenza del resto d’Europa dove questa forma economica di viaggio risulta essere al quarto posto e nel mondo al quinto. Unendo questo aspetto all’altro tema distintivo dei viaggiatori italiani, ovvero la ricerca di ristoranti e cibi di qualità, ne risulta una naturale capacità nostrana, ovvero l’ingegnarsi per riuscire a reperire dei viaggi low cost ma di un buon livello qualitativo, magari ricorrendo a mezzi di trasporto alternativi all’aereo.

Un ulteriore elemento distintivo, probabilmente riconducibile alla peculiare conformazione dei nostri territori, è quello del “viaggio in campagna” che in Italia è il quinto tema (76.881 messaggi), mentre non appare nella top 10 né europea né mondiale.

Infine un argomento che ci accomuna soltanto alla Francia, ma non appare nelle conversazioni degli altri Paesi presi in esame: si tratta del crescente fenomeno del recarsi all’estero per viaggi studio, esperienze professionali.

Lo studio interessa 11 Paesi: accanto agli otto europei (Italia, Austria, Francia, Germania, Olanda, Polonia, Spagna e Regno Unito) figurano Australia, Cina e Stati Uniti. Per ciascuno di questi Paesi, sono stati selezionati da cinque a dieci forum di viaggio tra quelli più popolari, per un totale di diversi milioni di commenti raccolti in cinque anni. Un’analisi dettagliata di tutti i commenti e la loro classificazione per argomento mostrano la grande varietà di temi e dubbi che interessa i viaggiatori a livello globale, con grandi differenze tra un’area geopolitica a un’altra.

Gli argomenti di viaggio degli italiani e del resto del mondo.


height:17.25pt;background:#FFCC00;padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;
padding-top:2.88pt;padding-bottom:2.88pt'>

Pos.


height:17.25pt;background:#FFCC00;padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;
padding-top:2.88pt;padding-bottom:2.88pt'>

Italia


height:17.25pt;background:#FFCC00;padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;
padding-top:2.88pt;padding-bottom:2.88pt'>

Europa


height:17.25pt;background:#FFCC00;padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;
padding-top:2.88pt;padding-bottom:2.88pt'>

Resto del mondo


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Viaggiare risparmiando


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Trasporto aereo


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Trasporto aereo


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Consigli e informazioni di viaggio


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Ricerca di ununa compagnoa di viaggio


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Ricerca di ununa compagnoa di viaggio


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Ricerca di ununa compagnoa di viaggio


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Crociere


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Crociere


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Ricerca di ristoranti e cibo di qualità


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Campeggio


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Viaggiare risparmiando


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Vacanze in campagna


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Agenzie di viaggio


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Campeggio


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Crociere


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Viaggiare risparmiando


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Programmi fedeltà e accumulo punti miglia


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Trasporto aereo


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Leggi e diritti


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Agenzie di viaggio


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Viaggi senza trasporto aereo


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Viaggiare con i bambini


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Equipaggiamento


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Disagi ed imprevisti di viaggio


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Equipaggiamento


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Lavorare, studiare e vivere all’estero


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

10°


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Lavorare, studiare e vivere all’estero


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Fotografie e video


padding-left:2.88pt;padding-right:2.88pt;padding-top:2.88pt;padding-bottom:
2.88pt'>

Leggi e diritti

Toro di Wall Street

Foto Rix Tox.

Di che cosa si preoccupano gli italiani quando viaggiano? é stato pubblicato su Travelblog.it alle 08:07 di venerdì 25 luglio 2014.








Author: "debora" Tags: "viaggiatori, attualita"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 24 Jul 2014 08:00

Volete sapere quali sono le dieci migliori spa sulle navi da crociera dove potersi rilassare? Eccole. Ma occhio che i prezzi possono essere un pochino più cari rispetto alle spa della terraferma. Nel video potete vedere la Disney Cruise Line.

Fondamentalmente a me non viene in mente di andare in una spa sulla terraferma, figuriamoci su una nave da crociera. Eppure alcune delle ultime navi da crociera vantano delle spa spettacolari per quanto riguarda il benessere e il relax, adatte a tutti, sia a chi vuole provarne i benefici per la prima volta sia per gli esperti. Le opzioni di trattamento sono differenziate per uomini e donne e a volte ce ne sono alcune riservati agli adolescenti. Attenzione però al prezzo: di solito i trattamenti nelle spa non sono compresi nel pacchetto viaggio, quindi si pagano a parte e i costi sono superiori a bordo rispetto che a terra.

Le migliori spa sulle navi da crociera

Crociera Celebrity Cruise Royal Caribbean

Partiamo con il Canyon Ranch SpaClub, affiliato alle navi da crociera Celebrity Cruises. Piscine, massaggio con le pietre calde, tecniche Aryuvedic, c’è tutto quello che potete desiderare. Inoltre le navi classe Solstice hanno anche un’ampia suite termale, il Persian Garden. Se volete un’esperienza indimenticabile, ecco che dovete prenotare la cabina AquaClass con accesso illimitato alle strutture della spa e cene presso il ristorante del benessere, Blu. Costa Crociere non è da meno e propone la Samsara Spa: le navi più recenti presentano alcune delle più grandi strutture termali di bordo, da segnalare soprattutto quella della Costa Diadema. I passeggeri che alloggiano nelle cabine e suite dedicate alla spa ricevono trattamenti, accesso illimitato alle strutture termali e anche il pranzo nell’apposito ristorante.

La Princess Cruises ha stretto una collaborazione con la Lotus Spa: fra le ultime novità delle navi da crociera più recenti di questa linea spicca la piscina per l’idroterapia. Oltre alle immancabili strutture termali. Nella suite Enclave, inoltre, sono disponibili dei letti ad acqua e non mancano le vasche per l’idromassaggio. Passiamo alla Disney Cruise Line con la sua Senses Spa & Salon con la sua oasi senza stress dedicata ai genitori. Le sale per i trattamenti godono della vista sull’oceano, potrete scegliere se fare i bagni di vapore o se dedicarvi all’aromaterapia. Inoltre sono state create anche delle zone termali specifiche per gli adolescenti. Inoltre ci sono delle verande private attrezzate con vasca idromassaggio, doccia all’aperto e divano-letto a baldacchino.

Sull’Oceania Cruises trovate di nuovo il Canyon Ranch SpaClub: qui abbiamo strutture termali dalle linee molto eleganti, bagni di vapore aromatici, sauna finlandese e area relax interna. Potete anche scegliere i solarium privati con lettini imbottiti e vasche idromassaggio, ideali per chi cerca la solitudine. Non mancano poi i massaggi con le pietre calde e gli impacchi a base di alga. Sulle navi di classe Odyssey della Seabourn si trovano delle suite termali con spazi relax interni ed esterni. La Odyssey vanta una piscina per l’idroterapia, mentre la Sojourn e la Quest hanno una piscina Kneipp (quelle dove cammini dall’acqua calda quella fredda per migliorare la circolazione). E qui potrete sperimentare il massaggio con il bambù. Esiste anche la possibilità di prenotare la Penthouse Suite Spa, collegata direttamente al centro benessere tramite una scala a chiocciola.

Il Canyon Ranch SpaClub spunta anche fuori sulla Cunard Queen Mary 2, con tanto di Aqua Therapy Centre con grande piscina e lettini reclinabili. Esiste anche una suite termale con sauna e vapore e potete scegliere se fare trattamenti per singoli individui o per le coppie. Sulla Norwegian Cruise Line si trova la Mandara Spa, con i suoi centri benessere in stile asiatico. Anche qui troverete suite termali con vista sull’oceano e le suite spa Haven, con accesso illimitato alle strutture termali.

Passiamo ora a Crystal Cruises con la la Crystal Spa: sulla Crystal Serenity troverete l’unico centro termale in stile Feng Shui ispirato al mare. A vostra disposizione, poi, servizi ringiovanenti come lo Stone Therapy Aroma. E qui l’accesso a sauna e bagno turco sono gratuiti. Terminiamo infine sulla MSC Divina della MSC Crociere, dove troviamo l’Aurea Spa: questa nave in stile italiano presenta un centro benessere di ispirazione asiatica, con tanto di terapisti balinesi. Vasche di idroterapia, massaggi, trattamenti per il viso, camere cosparse di petali di fiori, suite termale, zona relax con vista sull’oceano: basta solo scegliere.

Foto | Mascardo

Le dieci migliori spa sulle navi da crociera dove rilassarsi é stato pubblicato su Travelblog.it alle 10:00 di giovedì 24 luglio 2014.








Author: "Dottoressa Veterinaria Manuela" Tags: "crociere, spa-centri-benessere"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Next page
» You can also retrieve older items : Read
» © All content and copyrights belong to their respective authors.«
» © FeedShow - Online RSS Feeds Reader