• Shortcuts : 'n' next unread feed - 'p' previous unread feed • Styles : 1 2

» Publishers, Monetize your RSS feeds with FeedShow:  More infos  (Show/Hide Ads)


Date: Thursday, 28 Aug 2014 14:05

Anche Sony si prepara all’avvento dell’IFA 2014 di Berlino con un teaser. Il breve video pubblicitario preannuncia l’arrivo di tre nuovi dispositivi resistenti all’acqua. Sony Xperia Z3, Xperia Z3 Compact e Xperia Z3 Tablet.
sony-xperia-z3-tablet-compact

Siamo sempre più vicini all’inizio di uno tra gli eventi più attesi nel settore dell’elettronica da consumo, l’IFA 2014 di Berlino, che avrà le sue fasi preliminari tra il 3 ed il 4 settembre ed aprirà invece ufficialmente i battenti il 5 settembre.

Quest’anno vedremo arrivare nuovi gadget interessanti tra cui diversi dispositivi indossabili come l’LG G Watch R ma anche e soprattutto una carrellata di nuovi dispositivi mobile, sia smartphone che tablet, che prenderanno il posto di comando nelle lineup dei vari produttori.

Leggi anche: LG G Watch R, lo smartwatch tondo con display 1.3″ conquisterà l’IFA 2014?

Così come hanno già provveduto a fare altri concorrenti anche Sony ha ben pensato di stimolare l’appetito del pubblico con un teaser che anticipa alcune caratteristiche dei suoi nuovi prodotti.
Il video teaser pubblicato dalla società giapponese non fa riferimenti specifici ma sappiamo già bene che i terminali in questione sono i vari Xperia Z3, Xperia Z3 Compact e Xperia Z3 Tablet.

L’annuncio sottolinea alcune delle caratteristiche dei tre inediti dispositivi – ovviamente “potenti”, ovviamente “eccezionali” - soffermandosi in particolare su una caratteristica che li accomuna ovvero la resistenza all’acqua, connotato di cui Sony va molto orgogliosa.

Secondo quanto appreso finora l’Xperia Z3 non sarà particolarmente rivoluzionario in termini di dotazioni tecniche ma ci aspettiamo che Sony abbia in serbo qualche sorpresa. La scheda tecnica, molto simile a quella dell’Xperia Z2, comprende display da 5,2 pollici Full HD, chip Snapdragon 801 con processore quad-core a 2,5GHz, 3GB di RAM e fotocamera con sensore Sony Exmor RS da 20,7 megapixel.

L’Xperia Z3 Tablet Compact, trapelato sul sito stesso di Sony, sarà invece dotato di display da IPS 8 pollici con un ampio angolo di visione, ancora uno Snapdragon 801 e 3GB di RAM ed un sensore fotografico da 8 megapixel Exmor RS.

L’evento stampa di Sony è previsto per il 3 settembre.

Via | Sony (YouTube)

Sony all'IFA 2014 di Berlino: un video teaser annuncia tre dispositivi resistenti all'acqua é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 16:05 di giovedì 28 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "sony-produttori, ifa-2014, xperia-sony-p..."
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 28 Aug 2014 10:29

Samsung Gear S, smartwatch con Tizen

Sospettavamo, a questo punto, che Samsung avrebbe completamente mancato l’appuntamento dell’IFA 2014 per quello che riguarda gli smartwatch, visto che in effetti la sua lineup è già davvero complessa.

Il Samsung Gear S invece presto sarà tra noi: uno schermo curvo che assomiglia a una sorta di “doppio” Gear Fit (l’ottimo smartwatch/fitness tracker che mi sono parecchio divertito a usare) e all’interno un morbido cuore Tizen. Il sistema operativo che Samsung ha sviluppato a tempo perso pare essere relegato ai device, e questo mi fa un po’ sollevare il sopracciglio. Perché provare a tutti i costi a fare uno smartphone che è distinto da tutto il resto e non usare piuttosto Android Wear, che gli utenti stanno già iniziando ad accettare?

Samsung Gear S, smartwatch con TizenSamsung Gear S, smartwatch con TizenSamsung Gear S, smartwatch con TizenSamsung Gear S, smartwatch con TizenSamsung Gear S, smartwatch con TizenSamsung Gear S, smartwatch con Tizen

Detto questo, il Gear S sembra un device interessante. Il display 2” Super AMOLED è sufficientemente grosso da far sembrare lo smartwatch il braccialetto fighissimo di un poliziotto spaziale (ok, forse il look high tech di questo aggeggio è un po’ esagerato), ma dentro troviamo anche della connettività 3G e il software per il fitness S Health, e anche l’app Nike+ Running. Il 3G è una scelta buffa, ma significa che questo smartwatch resta in contatto con il telefono anche fuori dal raggio di Bluetooth, e che può andare indipendentemente su Internet.

A dare energia troviamo una batteria 300mAh da 48 ore, il tutto protetto da un guscio con certificazione IP67.

Ci sarà anche un accessorio, il Gear Circle, una sorta di collanina high-tech Bluetooth per ascoltare musica e ricevere telefonate. Bisognerà aspettare ottobre per vedere sul mercato questo smartwatch che per il momento sembra più potente dei device Android Wear, ma che dubitiamo sarà supportato altrettanto a lungo dalla propria casa.

Samsung Gear S, smartwatch curvo con Tizen é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 12:29 di giovedì 28 agosto 2014.








Author: "Francesco Lanza" Tags: "tizen-2, ifa-2014, samsung"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 28 Aug 2014 09:22

LG G Watch R, smartwatch tondo all'IFA 2014

Abbiamo già ampiamente scoperto che LG è intenzionata a considerare il suo G Watch quadrato una sorta di tappa obbligata, per poi passare immediatamente all’LG G Watch R, un device dallo schermo tondo che ha dichiarato di voler portare all’IFA 2014.

Sono ormai usciti tutti i dettagli in merito, e quindi aggiorniamo la nostra conoscenza di questo particolare smartwatch che sembra essere già stato preventivamente incoronato re della kermesse berlinese.

LG G Watch R, smartwatch tondo all'IFA 2014LG G Watch R, smartwatch tondo all'IFA 2014LG G Watch R, smartwatch tondo all'IFA 2014LG G Watch R, smartwatch tondo all'IFA 2014LG G Watch R, smartwatch tondo all'IFA 2014LG G Watch R, smartwatch tondo all'IFA 2014

Come è fatto l’LG G Watch R

LG G Watch R, smartwatch tondo all'IFA 2014

Lo smartwatch gira con Android Wear, ed è il secondo device di LG a vantare questo sistema operativo per wearable ancora un po’ incompleto.

Il fulcro attorno a cui ruota l’attrattiva del G Watch R è lo schermo tondo, e oggi apprendiamo che si tratta di un’unità OLED di plastica. Salvo per una sottile cornice, il display occupa tutto il frontale dello smartwatch, e non ci sono bande nere a deturparlo, come capita con il rivale Motorola. Le dimensioni del display - sempre che abbia alcuna importanza - sono di 1.3”, e questo significa che ci troviamo di fronte a un orologio di dimensioni piuttosto normali, anche se non proprio compattissime.

Considerando il fatto che il display ha un angolo di visuale completo, e che la grafica di base è il quadrante di un orologio, non ci sono molte ragioni per considerarlo a colpo d’occhio come qualcosa di diverso da un orologio sportivo/casual. L’illusione è potenziata dalla scocca in acciaio e dal cinturino - assolutamente standard e discreto - fatto in morbida pelle.

Dietro al display, contenuto tutto nella scocca, c’è il suo comparto hardware. Si capisce quanto la tecnologia si sia evoluta negli ultimi anni: c’è un SoC Snapdragon 1.2 GHz, 512MB di RAM e 4GB di spazio di archiviazione. C’è anche un cardiofrequenzimetro, ormai un must per gli smartwatch.

Non vediamo l’ora di poterlo vedere da vicino!

LG G Watch R, lo smartwatch tondo con display 1.3" conquisterà l'IFA 2014? é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 11:22 di giovedì 28 agosto 2014.








Author: "Francesco Lanza" Tags: "lg, smartwatch, ifa-2014"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 28 Aug 2014 06:30

HTC Desire 510, primo smartphone low-end con LTE e SoC 64-bit

AGGIORNAMENTO
C’è qualche altra informazione interessante: la prima è che l’HTC Desire 510 sarà sicuramente il primo smartphone Android a 64-bit a uscire sul mercato, battendo sul tempo il “cugino” Desire 820. La seconda notizia, molto più interessante, è che questo terminale dovrà essere aggiornato appena possibile con Android L, in grado di portargli per l’appunto quel software a 64-bit che lo rende speciale. Abbiamo parlato di qualche altra “meraviglia” della futura generazione di Android pochi giorni fa.

Se HTC non lo aggiornasse di corsa, insomma, il suo processore Snapdragon 410 non servirebbe a molto. Con Android 4.4.2, infatti, il terminale gira a 32-bit come tutti gli altri smartphone Google-inside.

27 agosto

HTC sembra non avere pace e sta continuando a produrre una variegata quantità di telefoni mid-range e budget per uscire dalla cattiva situazione finanziaria in cui annaspa da un paio d’anni.

L’ultimo membro della famiglia sembra essere un rivale diretto del Motorola Moto G, uno dei migliori terminali in questa categoria, e si chiama HTC Desire 510. Il nome non è particolarmente originale, in effetti, e va un po’ a confondersi con altri smartphone dello stesso brand. Anche il design, che pur mantiene un certo family feeling, non è proprio quello che si dice rivoluzionario, con una scocca in policarbonato lucida.

LEGGI ANCHE: Il modello più atteso dell’IFA 2014? HTC Desire 820 in arrivo

Il Desire 510 tuttavia sembra essere un ottimo telefono, piuttosto innovativo: dotato di capacità LTE, è tra i primi telefoni di fascia bassa con tale caratteristica. Il suo display è un po’ inferiore alle aspettative, un’unità da 854×540 - Onestamente, anche in un midrange noi spereremmo di vedere raggiunta la soglia magica dei 720p. Dietro allo schermo si nasconde un processore quad-core Snapdragon 410, un membro orgoglioso di una nuova generazione a 64-bit che dà vita anche al “cugino” Desire 820. Il Desire 510 è equipaggiato con 1GB di RAM e una misura di spazio di archiviazione piuttosto standard, 8GB, che però possono essere espansi fino a 128GB con la solita microSD.

Il peso è di 158g, che è parecchio, ma c’è una batteria (fortunatamente rimovibile) di 2100 mAh che dovrebbe consentire una buona durata, dato lo schermo modesto. Ci aspettiamo che questo modello sia presentato ufficialmente all’IFA 2014, dove probabilmente non attirerà orde di visitatori ansiosi di ammirarlo. Tuttavia si tratta di un buon telefono, che verrà commercializzato in Europa, Asie e Stati Uniti. Il nuovo SoC a 64-bit è piuttosto interessante, come anche le capacità LTE in uno smartphone che è invece da ritenere assolutamente di livello budget.

HTC Desire 510, primo smartphone low-end con LTE e SoC 64-bitHTC Desire 510, primo smartphone low-end con LTE e SoC 64-bitHTC Desire 510, primo smartphone low-end con LTE e SoC 64-bitHTC Desire 510, primo smartphone low-end con LTE e SoC 64-bit

Per ragioni a noi misteriose HTC non ha voluto diffondere il prezzo, che a questo punto siamo abbastanza sicuri non possa essere particolarmente elevato, per invogliare i clienti che desiderano un terminale estremamente capace, ma non troppo dispendioso.

HTC Desire 510, Scheda Tecnica

HTC Desire 510, primo smartphone low-end con LTE e SoC 64-bit

    Dimensioni: 139,99mm x 69,99mm x 9,9mm
    Peso: 158g
    Display: 854×540 FWVGA 4.7”
    Processore: Snapdragon 410 quad core 1.2 GHz a 64-bit
    RAM: 1GB
    Archiviazione: 8GB espandibili con microSD a 128GB
    Batteria: 2100 mAh
    Sistema Operativo: Android 4.4.2 KitKat + Sense UI
    Connettività: LTE, WiFi, Bluetooth 4.0, GPS, HTC Connect
    Prezzo: sconosciuto

HTC Desire 510, uno smartphone budget con LTE e SoC a 64-bit (che non può usare) é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 08:30 di giovedì 28 agosto 2014.








Author: "Francesco Lanza" Tags: "htc, ifa-2014"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 27 Aug 2014 16:30

Si affaccia in rete un nuovo smartphone Samsung con numero di modello Samsung SM-G530F. Le informazioni trapelate indicano un terminale di fascia media con display da 5 pollici e processore a 64-bit.

sm-g350f-uaprof

Oltre che degli smartwatch e del vetro di zaffiro questo sembra essere l’anno degli smartphone Android con chip a 64-bit. L’iPhone 5S di Apple è responsabile dell’introduzione dell’architettura a 64-bit tra i telefoni smart ed ora anche i produttori di dispositivi che si basano sul sistema operativo di Google stanno maturando la loro controffensiva.

Leggi anche: iPhone 6 su Melablog

HTC vuole essere in testa alla processione ed ha già pronte alcune carte da giocare. Ben presto vedremo infatti arrivare sul mercato l’economico HTC Desire 510, con chip Snapdragon 410 nonché l’HTC Desire 820 che invece sfrutterà il più performante SoC Qualcomm Snapdragon 615 con processore octa-core.

Leggi anche: HTC Desire 510, uno smartphone budget con LTE e SoC a 64-bit!
HTC Desire 820, confermato il processore octa-core a 64-bit

Anche Samsung dirà la sua sulla questione o almeno questo è quello che rivelano alcune recenti leak che hanno come protagonista uno smartphone la cui sigla è SM-G530. I dettagli sul dispositivo vengono rivelati dal UAProf di un sito Samsung ed indicano appunto la presenza di un chip a 64-bit.

Il SoC in questione dovrebbe appartenere alla gamma Qualcomm 61x che fa uso di core Cortex-A53 ARMv8, più efficienti in termini di consumo energetico dei Cortex-A7. Tra le altre caratteristiche anticipate in alcune leak precedenti figurano anche un display da 5 pollici con risoluzione 540×960, 512MB di RAM ed un’opzione dual-SIM.

Naturalmente si tratta di voci non confermate che non pongono alcuna certezza sull’uscita di un simile dispositivo né sull’eventuale data.

Via | Sammobile.com

Samsung SM-G530F, nuovo smartphone con chip a 64-bit? é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 18:30 di mercoledì 27 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "samsung, anticipazioni"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 27 Aug 2014 14:38

Il Nexus 6 fa una nuova apparizione in rete sulla pagina di un rivenditore francese. La scheda tecnica attesta la presenza del chip Qualcomm Snapdragon 805 ed indica il nome completo della nuova release di Android.
Nexus-X-leak-1
Se per qualche momento era stata paventata la possibilità che la linea Nexus chiudesse i battenti sicuramente il numero di leak, che si succedono in questi giorni a rotta di collo, mette in fuga tale dubbio. Il Nexus 6, come appunto gli androidi del romanzo di Philip K. Dick, acquista connotati sempre più reali e concreti e le informazioni a riguardo non mancano.

A quanto pare sarà Motorola ad occuparsi del prossimo pupillo Nexus di Google e non si può negare che ci sia una certa confusione tra i possibili nuovi smartphone prodotti dalla società statunitense che ha in cantiere un Moto XL (o Moto S o Shamu) di cui il Nexus 6 potrebbe essere cugino o gemello.

Sono invece un po’ più chiari i dettagli tecnici che riguardano lo smartphone, i cui presunti numeri di modello sono XT1112 e XT1100. Una recente leak, la cui fonte è una pagina del sito del rivenditore francese fnac.com pubblicata da TK Tech News, li rivela in maniera piuttosto diretta.

Leggi anche: HTC Nexus 9, confermato il chip Tegra K1 a 64-bit
Nexus-X-leak-2

L’immagine della pagina conferma l’ampiezza del display da 5,2 pollici (e non dunque 5,9 pollici come precedentemente suggerito) nonché la presenza di un system on chip Qualcomm Snapdragon 805 con processore quad-core a 2,5GHz, lo stesso che troveremo in quasi tutte le ammiraglie più importanti.

Il menù mostra due versioni del Nexus 6, una con memoria interna da 32GB ed una con 64GB il cui rispettivo prezzo è di 419€ e 449€. Tra le altre caratteristiche tecniche previste troveremo 3GB di RAM ed una fotocamera da 13 megapixel mentre il sistema operativo sarà Android 5.0 il cui nome completo dovrebbe essere Lemon Meringue Pie.

Stando alle voci il Nexus 6 verrà lanciato il 31 ottobre senza evento stampa.

Via | TK Tech News

Motorola Nexus 6, confermati Snapdragon 805 e Android “L” é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 16:38 di mercoledì 27 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "android-news, motorola, anticipazioni"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Tuesday, 26 Aug 2014 15:15

All’IFA 2014 di Berlino Huawei potrebbe portare anche una nuova variante della sua ammiraglia Huawei Ascend P7. Alcune informazioni alludono all’esistenza di una versione con schermo in vetro di zaffiro.
huawei-ascend-pz-zaffiro
A quanto pare Huawei non intende di certo risparmiarsi per l’edizione del 2014 dell’IFA di Berlino. Alla fiera dell’elettronica il produttore cinese porterà il suo nuovo phablet top di gamma Huawei Ascend Mate 7, già largamente anticipato nel corso delle ultime settimane. Il cospicuo terminale però potrebbe non essere l’unica novità che vedremo arrivare durante la conferenza stampa indetta per i primi giorni di settembre.

Leggi anche: Huawei Ascend Mate 7, uno spot pubblicitario anticipa il nuovo phablet

L’attuale ammiraglia di Huawei per la categoria degli smartphone è l’Ascend P7, un dispositivo che, dopo sua presentazione avvenuta a maggio, è stato in grado di raccogliere un notevole successo. Come nel caso di altri produttori anche Huawei sembra puntare ad un rinnovo dell’offerta, preparando una variante premium dello smartphone.

Nell’ultimo periodo si è parlato molto del vetro di zaffiro, materiale sintetico già utilizzato per diverse applicazioni negli smartphone, come la copertura dei sensori delle fotocamere, e che presto potrebbe sostituire i più canonici Gorilla Glass come strato protettivo dei display. L’iPhone 6 è uno dei possibili candidati a ricevere per primo una simile dotazione così come, a quanto pare, anche l’Ascend P7.

L’attuale modello è dotato di display da 5 pollici Full HD, SoC Kirin 910 con processore quad-core a 1,8GHz, 2GB di RAM e fotocamere da 12 e 8 megapixel. Non ci sono informazioni su eventuali cambiamenti nella configurazione hardware né sull’eventuale prezzo del terminale che sarà sicuramente più costoso.

Sorgono anche alcuni dubbi sull’effettiva capacità di Huawei nel produrre su larga scala un simile dispositivo vista la difficoltà nel reperire il materiale in questione.

Leggi anche: iPhone 6, vetro di zaffiro nei modelli più costosi della prossima generazione

Via | Engadget.com

Huawei Ascend P7: versione con vetro di zaffiro all'IFA 2014? é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 17:15 di martedì 26 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "huawei-ascend-p7, ifa-2014, huawei, anti..."
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Tuesday, 26 Aug 2014 07:35

g3-stylus

LG avrà un sacco di novità da presentare a Berlino all’IFA 2014. Oltre a smartwatch e televisori, ci sarà anche una nuova versione della sua ammiraglia smartphone, l’LG G3 Stylus. Il “G3”, insomma, assomiglia di più a una gamma che a un singolo modello, e la corporation coreana non ha ancora diffuso una grande quantità di dettagli su questo modello, che va ad accompagnare il G3 Beat e il G3 Vista accanto al capostipite.

Il G3 Stylus sembra essere comunque un modello mid-range, non un top di gamma. Lo schermo ha la stessa dimensione di 5,5”, ma la risoluzione è decisamente inferiore, fermandosi a soli 960×560. Le dimensioni importanti, tuttavia, sembrano essere necessarie per sfruttare al meglio il pennino, che ha bisogno di un certo spazio per essere davvero utile. LG dice che sarà offerto “a un prezzo straordinario”, ma non ha detto molto di più in merito ai costi.

LEGGI ANCHE: LG G3 Beat avvistato in Cina

Il G3 Stylus non sembra affatto essere un device sottilissimo, ed è un po’ più grosso e spesso del G3 originale. La batteria è altrettanto capiente, un bel modello a 3.000mAh che dovrebbe durare abbastanza, specie con questa risoluzione meno definita.

Il G3 Stylus sarà presentato durante la kermesse berlinese, ma non siamo completamente sicuri che sia destinato a essere messo in vendita in Europa. Sappiamo che il Brasile sarà il primo a riceverlo in settembre, per poi arrivare nei paesi in via di sviluppo in Africa, Medio Oriente e Asia.

LG G3 Stylus: scheda tecnica

    Dimensioni: 149,3mm X 75,9mm X 10,2mm
    Peso: 163g
    Display: 5.5” 960×540 IPS LCD
    Processore: 1.3GHz Quad Core
    RAM: 1GB
    Archiviazione: 8GB, 32GB microSD
    Sistema Operativo: Android 4.4.2 KitKat
    Connettività: 3G, WiFi
    Fotocamera: 13MP posteriore, 1.2MP frontale
    Batteria: 3.000 mAh
    Costo: informazione mancante

Via | LG Newsroom

LG G3 Stylus sarà presentato all'IFA 2014 é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 09:35 di martedì 26 agosto 2014.








Author: "Francesco Lanza" Tags: "android-news, lg, ifa-2014, android-4-4-..."
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Monday, 25 Aug 2014 15:00

Due nuove immagini teaser confermano l’arrivo del primo smartphone Android con processore a 64-bit e ne mostrano un accenno del design. HTC presenterà il suo nuovo HTC Desire 820 durante l’IFA 2014 a Berlino.


Nel corso dei prossimi giorni lo scontro tra produttori mobile si accenderà di un nuovo vigore con una competizione particolarmente serrata al livello del settore Android dove le varie società si stanno adoperando per risaltare in mezzo alla folla.

Se Sony si prepara a lanciare una sequela di nuovi dispositivi, tra cui anche uno smartwatch ed un tablet HTC come sempre per distinguersi tenta di mettersi in testa allo sviluppo degli smartphone ricercando un primato.

Leggi anche: Sony Z3 Tablet Compact, tablet da 8” in arrivo all’IFA 2014

Si parla in questo caso di processori a 64-bit, architettura già introdotta nel mercato dall’iPhone 5s e che presto vedremo dilagare anche tra i dispositivi basati sul sistema operativo di Google. HTC pare voglia essere la prima a mettere in commercio tale categoria di prodotti che giungerà sotto forma di un nuovo smartphone Desire.

Alcune immagini teaser ci forniscono qualche nuova informazione sull’HTC Desire 820 di cui si è parlato nei giorni scorsi.

La prima è una roadmap pubblicata dalla compagnia taiwanese attraverso il proprio account Weibo. L’immagine elenca una serie di smartphone che hanno introdotto qualche novità in campo tecnico come ad esempio la fotocamera UltraPixel dell’HTC One M7 e la DuoCamera de One M8. Tra essi compare anche il nome del Desire 820 sebbene non vi sia alcun riferimento specifico alle sue dotazioni.


Con il post successivo HTC rincara la dose. Uno scatto della sezione superiore di uno smartphone è seguita dalla didascalia “il primo smartphone con octa-core a 64-bit del mondo”, un’asserzione che lascia ben poco spazio alle ipotesi.


Qualcomm stessa punta a cancellare gli ultimi dubbi confermando la presenza del chip Snapdragon 615 nel nuovo smartphone di fascia media che verrà probabilmente presentato il 4 settembre durante l’evento stampa indetto da HTC.

Via | Gforgames.com

HTC Desire 820HTC Desire 820HTC Desire 820

HTC Desire 820, confermato il processore octa-core a 64-bit é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 17:00 di lunedì 25 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "android-news, htc, ifa-2014, anticipazio..."
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Monday, 25 Aug 2014 13:26

Nokia pesca dal proprio passato le suonerie e gli avvisi sonori che hanno contribuito a rendere popolare il marchio trasportandole. Nokia Tones e Nokia Buzzer propongono dieci anni di musichette e le glorie del 3310.
nokia-3310-
Le acque in cui naviga al momento Nokia non sono delle più tranquille, la posizione del brand finlandese nel mondo mobile è messa in discussione dai recenti cambiamenti che hanno coinvolto la società, portando alla chiusura di alcune linee di prodotti come Asha e Nokia X.
Tra pochi giorni vedremo cosa il produttore finlandese avrà in serbo di nuovo per noi all’IFA 2014 di Berlino: è previsto l’arrivo di due nuovi smartphone di fascia media e bassa, Nokia Lumia 830 e Lumia 730.

Leggi anche: Nokia Lumia 830, foto del mid-ranger con fotocamera PureView

Indubbiamente Nokia ha ancora qualche carta forte da giocare. Tra i suoi pregi c’è un marchio divenuto iconico in lunghi anni di attività reso riconoscibile per i più attraverso molti espedienti. Uno degli strumenti più potenti è sicuramente l’udito ed il Design Team di Nokia non manca di appellarsi ad esso.

La collezione composta su Soundcloud ospita non solo le più nuove tracce sonore e musichette provenienti dagli attuali Lumia e vari Windows Phone ma va a scavare nel passato riproponendo avvisi musicali e suonerie che hanno accompagnato gli anni dello sviluppo del marchio.

Le suonerie raccolte sono fin troppe per ascoltarle tutte o anche solo per enumerarle. È possibile però avvalersene sul proprio smartphone grazie ad alcune app per Windows Phone o semplicemente scaricando il file mp3 dalla pagina di Soundcloud.

Nokia Tones è una raccolta di 1000 suonerie che hanno fatto parte delle produzioni di Nokia negli ultimi dieci anni, dal 1994 al 2014.

Per i più nostalgici invece ci sono le suonerie monofoniche che arrivano direttamente dalle glorie di cellulari che sono state vere e proprie pietre miliari della telefonia. È quindi possibile godere nuovamente di Groovy Blue, Get Cool, Badinerie e la famosissima Nokia Tune.

C’è da dire che, per quanto queste musichette siano in grado di aggredire in pochi istanti il sistema nervoso, è praticamente impossibile non rivolgere un pensiero nostalgico ai vari Nokia 3310 e 1100.

Via | Soundcloud

Tutte le suonerie ufficiali Nokia, gratis su Soundcloud é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 15:26 di lunedì 25 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "nokia, windows-phone-8, skymarket, varie..."
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Monday, 25 Aug 2014 10:00

LG, Asus e HTC presenteranno smartwatch all

All’IFA 2014 non possiamo certo dire che si stabilità il regno degli smartwatch: questi device sono sì interessanti - lo prova il clamore e l’hype provocati dal Motorola Moto 360 presentato al Google I/O - ma non sono ritenuti davvero necessari.

Questa è la ragione per la quale i brand tecnologici fanno di tutto per attirare la nostra attenzione su di essi, cercano di abituarci a un apparecchio che francamente non può cambiare il nostro modo di usare la tecnologia.

Con l’avvento di Android Wear, tuttavia, qualcosa è cambiato. Gli smartwatch sono diventati improvvisamente più utili e interessanti, e tra una settimana a Berlino vedremo due nuovi modelli che potrebbero imporsi come i migliori sul mercato: per lo meno giocattoli desiderabili, se non dei perni della nostra vita digitale.

LEGGI ANCHE: Motorola Moto 360 in vendita sul sito di Best Buy

LG, Asus e HTC presenteranno smartwatch all'IFA 2014?LG, Asus e HTC presenteranno smartwatch all'IFA 2014?LG, Asus e HTC presenteranno smartwatch all'IFA 2014?LG, Asus e HTC presenteranno smartwatch all'IFA 2014?LG, Asus e HTC presenteranno smartwatch all'IFA 2014?

LG G Watch R


LG ha lanciato il suo primo LG G Watch al Google I/O, ma a questo punto siamo abbastanza sicuri che quel modello fosse poco più di una prova generale per quello presentato ieri con questo video teaser.

Il brand coreano sembra essere rimasto particolarmente ferito dall’interesse dimostrato verso il telefono tondo di Motorola a discapito del suo, e quindi non rinuncia a prenderlo leggermente in giro, dimostrando di essere in grado di usare TUTTO lo schermo circolare del suo smartphone. Il Moto 360 ha una fastidiosa banda nera, infatti. L’LG G Watch R sarà presentato in pompa magna alla kermesse berlinese, e siamo sicuri che sarà uno dei più popolari fra i device dell’IFA.

Asus

LG, Asus e HTC presenteranno smartwatch all'IFA 2014?

Asus ha pubblicato una delle sue solite foto misteriose per annunciare che all’IFA 2014 porterà il suo primo smartwatch, un modello che girerà sicuramente con il sistema operativo Android Wear.

Asus ha scelto una citazione del poeta libanese americano Khalil Gibran per fare sfoggio di stile:

    “Time has been transformed, and we have changed”

Sarà, ma dall’immagine si deduce chiaramente che lo schermo di questo smartphone sarà quadrato, quindi decisamente meno “trasformato” di quello della rivale LG. In cambio, però, il CEO Jerry Shen ha offerto un’altra informazione molto interessante: “Il prezzo sarà relativamente basso”.

HTC One Wear?

LG, Asus e HTC presenteranno smartwatch all'IFA 2014?

HTC sta certamente sviluppando uno smartwatch, che ha avuto il suo microscopico tease durante un video dedicato al dipartimento di design del brand. Sarà presentato all’IFA 2014?

Di sicuro non vedremo nulla sul mercato prima di Natale.

Altri brand

Al momento non abbiamo informazioni su altri sforzi da parte di brand concorrenti a riguardo degli smartwatch. Samsung sembra aver esaurito la propria vena creativa dopo il Samsung Gear Live e Motorola è ancora intenta nel lancio del suo Moto 360.

LG e Asus avranno probabilmente tutta la libertà d’azione per imporsi su questo mercato davvero piccolo, ma molto combattuto.

Smartwatch all'IFA 2014, LG e Asus presenteranno nuovi modelli é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 12:00 di lunedì 25 agosto 2014.








Author: "Francesco Lanza" Tags: "asus, lg, smartwatch, ifa-2014, android-..."
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Monday, 25 Aug 2014 07:47

Google Project Ara, lo smartphone modulare

Abbiamo già avuto modo di osservare lo sviluppo del Project Ara, un sistema di hardware assemblabili senza cavi per creare smartphone e altri device mobile promosso da Google.

Persino la corporation più ricca del mondo dell’hi-tech ha seri problemi a creare una nuova generazione tecnologica, tuttavia, e da quanto ne sappiamo agli sviluppatori non è neppure arrivato il kit prototipo promesso al Google I/O.

APPROFONDIMENTO: Google Project Ara, ecco dove siamo arrivati

E poi fino ad oggi c’è stato il problema del processore, che forse è stato risolto con una partnership con Rockchip, un brand che fino ad oggi è stato di secondo piano sul mercato, noto per i suoi chip super economici. Se devo essere sincero, scoprire che un device contiene un processore Rockchip è stato fino ad oggi un buon motivo per evitarlo, ma un SoC dedicato a Project Ara non sarà certo lo stesso usato su uno smartphone da due lire.

Google Project Ara, lo smartphone modulareGoogle Project Ara, lo smartphone modulareGoogle Project Ara, lo smartphone modulareGoogle Project Ara, lo smartphone modulareGoogle Project Ara, lo smartphone modulareGoogle Project Ara, lo smartphone modulareGoogle Project Ara, lo smartphone modulareGoogle Project Ara, lo smartphone modulareGoogle Project Ara, lo smartphone modulare

Project Ara ha le sue particolari necessità, e il SoC sarà costruito apposta per essere solo una componente di tante altre, non il cuore pulsante di un sistema centralizzato. Per questo dovrebbe avere un’interfaccia UniPro, un protocollo di comunicazione tra hardware standardizzato uguale per tutte le componenti di un device, in modo da creare un network di componenti sostituibili. Senza questo particolare e innovativo metodo di assemblaggio non ci sarebbe un project Ara.

Purtroppo secondo le affermazioni del capo del progetto, Paul Emerenko, non vedremo così presto questo SoC nel mondo reale. Come la maggior parte delle grandi imprese tecnologiche, Ara è concepito attorno a diverse generazioni, e mentre noi siamo ancora in attesa della seconda, il chip Rockchip arriverà solo in tempo per la terza. Scopriremo di più alla prossima Ara Developer Conference, che dovrebbe arrivare attorno alla stagione natalizia. L’ultima è stata in marzo.

Via | Google ATAP su Google+

Project ARA, Rockchip farà un chip dedicato allo smartphone "assemblabile" di Google é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 09:47 di lunedì 25 agosto 2014.








Author: "Francesco Lanza" Tags: "android-news, Google"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 22 Aug 2014 16:00

Oppo ha ufficialmente introdotto nella sua lineup di prodotti un nuovo smartphone entry-level. L’Oppo Neo 5, con Snapdragon 400, sarà lanciato nel mercato della Malesia la prossima settimana a meno di 200$.
Oppo Neo 5
Dopo un periodo relativamente breve condito da poche novità Oppo torna a far sentire la propria voce annunciando l’arrivo di una new-entry per la sua lineup di smartphone. Il produttore cinese di elettronica ha presentato un terminale piccolo e dalle modeste caratteristiche tecniche, l’Oppo Neo 5 con cui intende prendere d’assalto le fasce di prezzo più basse.

Oppo è riuscita a garantirsi una presenza decisa nel mercato internazionale grazie all’Oppo Find 5, uno smartphone dalle performance più che soddisfacenti proposte in combinazione con un cartellino del prezzo indubbiamente competitivo. Lo stesso rapporto qualità/prezzo è stato poi riproposto con la nuova generazione dell’ammiraglia, l’Oppo Find 7 e Find 7a che, sebbene non abbia raggiunto i livelli di popolarità di altri competitori, ha saputo dimostrare di essere un buon telefono.

Leggi anche: Oppo N1 Mini, specifiche tecniche finalmente complete

Attualmente la fascia media è occupata dall’Oppo N1 Mini mentre il Neo 5 va a posizionarsi direttamente al di sotto, con delle dotazioni tecniche leggermente inferiori ed un costo ancora più basso.

Per questo smartphone Oppo ha scelto di impiegare un display da 4,5 pollici con risoluzione 854×480 pixel accompagnato da un chip Qualcomm Snapdragon 400 con processore quad-core Cortex-A7 a 1,2GHz, 1GB di RAM, 4GB di memoria interna espandibile via microSD, fotocamera posteriore da 5 megapixel e batteria da 1900mAh. Il sistema operativo sarà Android 4.3 JellyBean mentre le sue dimensioni sono di 32 x 65.8 x 9.2mm per 132,5 grammi di peso.

Per il momento l’Oppo Neo 5 verrà rilasciato in Malesia a poco meno di 200$ ma è plausibile che la distribuzione venga estesa anche ai mercati occidentali.

Via | Oppomobile.com

Oppo Neo 5Oppo Neo 5Oppo Neo 5Oppo Neo 5Oppo Neo 5

Oppo Neo 5, il nuovo smartphone di fascia bassa è ufficiale é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 18:00 di venerdì 22 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "android-news, oppo, anticipazioni"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 22 Aug 2014 14:00

Il Motorola Moto X+1 si mostra in alcuni nuovi render pubblicati dal noto informatore “in pensione” @evleaks. La nuova ammiraglia della società statunitense verrà presentata il 4 settembre assieme ad altre novità.
motorola-moto-x2-render
Come ben sappiamo le prime settimane di settembre saranno un periodo piuttosto impegnato per il mondo mobile, un momento ricco di nuove presentazioni che si avvicenderanno nello spazio di pochi giorni.

L’iPhone 6 è solo uno dei candidati prossimi al lancio e l’evento di presentazione è previsto per il 9 settembre. A precederlo saranno le intense giornate dell’IFA 2014 di Berlino dove Samsung, Asus, Huawei e molti altri si scontreranno a colpi di conferenze stampa.


Leggi anche: iPhone 6 su Melablog

Motorola dal canto suo ha scelto uno scenario a se stante per le sue presentazioni. Ad ospitare l’evento della società americana sarà Chicago e la lista di novità non è affatto breve. Tra queste figura ovviamente anche la nuova generazione della sua ammiraglia, il Moto X, conosciuta attraverso i rumors come Moto X+1.

Nel corso dei mesi abbiamo già avuto modo di conoscere diversi dettagli a proposito del nuovo smartphone top di gamma, intravisto in alcune immagini trapelate in rete. Le più recenti ci vengono proposte da una fonte piuttosto nota, @evleaks, pseudonimo di Evan Blass che si è recentemente ritirato dalla scena e ci lascia con un regalo di addio.

I render mettono bene in evidenza alcuni dettagli del design del Moto X+1: spiccano i due altoparlanti frontali per l’audio stereo nonché un particolare anello che circonda la fotocamera posteriore e che ospita i due presunti piccoli flash.

Secondo quanto appreso finora dai rumors il Moto X+1 sarà dotato di display da 5,2 pollici Full HD, processore Snapdragon 800 a 2,3GHz, 2GB di RAM, 32GB di memoria interna, batteria da 2900mAh, fotocamere da 12 e 5 megapixel e Android 4.4 KitKat.

L’evento stampa di Motorola prenderà luogo il 4 settembre.

Leggi anche: Motorola terrà un evento di presentazione il 4 settembre a Chicago

Motorola Moto X+1, ecco i render della nuova ammiraglia é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 16:00 di venerdì 22 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "motorola, android-4-4-kitkat, anticipazi..."
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 22 Aug 2014 10:30

Strava, immagini e interfaccia

Strava è una app che a modo suo ha cambiato il mondo del ciclismo per sempre, anche perché rappresenta un metodo facile per inserire il fitness tracking nelle proprie attività ciclistiche.

Strava funziona sia con la bici che con la corsa, e consente di tracciare i nostri progressi confrontandoli con quelli dei nostri amici - tutto viene registrato e direttamente visualizzato sul sito Strava.com.

LEGGI ANCHE: Fitness tracker, ecco i migliori

Come funziona

Per iniziare è necessarioscaricare Strava sul proprio smartphone, e connettere ad esso i nostri device (l’app funziona molto bene con i tracker Garmin). Per il GPS, ovviamente, sarà sufficiente lo smartphone, visto che ne è dotato.

A questo punto, non saremo solo “in gara” con i nostri amici che hanno scaricato Strava, né sarà solo una questione di registrare tutti i nostri dati. Ci sarà di più: potremo letteralmente diventare “i re della montagna” della nostra zona, confrontandosi con centinaia di altri ciclisti e corridori.

Non conosceremo probabilmente mai i nostri avversari, ma potremo lo stesso sconfiggerli e loro lo sapranno. Girare in bici diventa un videogame, se siete persone competitive. Questo è utile per motivarsi, ma non è detto che sia NECESSARIO. Pedalare è anche un gran momento per stare con se stessi e badare ai fatti propri, non sentitevi obbligati di entrare in lizza per essere il meglio del meglio. Siccome Strava è molto noto e davvero popolare, aspettatevi di avere a che fare con dei “pro”.

Altri vantaggi di Strava

Oltre al fascino del videogame, Strava consente anche di tenere d’occhio il territorio, trovare nuovi percorsi e visualizzare assieme le nostre corse. Sarà anche possibile esplorare nuove strade e scoprire le più popolari della zona.

Ci sono anche le sfide regolari, un po’ come le “daily” dei MMORPG. Non c’è niente di meglio nello sfidare se stessi e superare i limiti precedenti in questi eventi che talvolta durano una sola giornata, talvolta un mese intero - possono essere sulla distanza come anche sui tempi. Sta a voi decidere se partecipare o meno.

Strava ha anche funzioni social: possiamo complimentare e fare commenti sulle attività di amici e colleghi, condividere immagini di Instagram, scoprire chi sono i migliori della zona e - se vogliamo - conoscerli.

Strava, immagini e interfacciaStrava, immagini e interfacciaStrava, immagini e interfacciaStrava, immagini e interfacciaStrava, immagini e interfaccia

L'App della Settimana: Strava, cambierà il vostro modo di pedalare é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 12:30 di venerdì 22 agosto 2014.








Author: "Francesco Lanza" Tags: "app-della-settimana"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 16:00

LG anticipa l’arrivo di due nuovi smartphone di fascia bassa indirizzati agli utenti meno esigenti. Gli LG L Fino e L Bello con Android 4.4 KitKat verranno mostrati ufficialmente durante l’IFA 2014 di Berlino e distribuiti in Europa.
LG L Fino/L Bello
Tra le numerose anticipazioni ed i rumors sulle nuove presentazioni in tema di smartphone, che vedremo giungere con l’arrivo dell’autunno, si insinua anche LG che prepara il terreno per l’IFA 2014 di Berlino.

Il produttore coreano in quest’occasione riserva la propria attenzione alle fasce di prezzo più basse, anticipando il lancio di due nuovi terminali entry-level appartenenti alla lineup di dispositivi che compongono la serie L di cui fa parte anche l’LG L60, presentato di recente e la cui vendita è per il momento limitata al territorio della Russia.

Leggi anche: LG L60, specifiche tecniche di un nuovo smartphone low cost

Per quanto siano ovviamente poco potenti, L Bello e L Fino presentano comunque delle schede tecniche interessanti dal punto di vista delle potenziali prestazioni e dell’autonomia.

L Bello

LG L Fino/L Bello

L’LG L Bello è tra i due il più potente, anche se di poco, ed apre le danze con un display IPS da 5 pollici a risoluzione FWVGA (854 x 480 pixel) accompagnato da un processore quad-core a 1,3GHz, 1GB di RAM, una fotocamera da ben 8 megapixel, connettività 21Mbps HSPA+ e Android 4.4.2 KitKat.

    Processore:1.3GHz Quad-Core
    Display: IPS 5 pollici 854×480
    Memoria: 1GB di RAM
    Archiviazione: 8GB espandibile via microSD
    Fotocamera: posteriore 8 megapixel, anteriore 2 megapixel
    Batteria: 2450mAh
    Sistema Operativo: Android 4.4.2 KitKat
    Connettività: 3G HSPA+
    Dimensioni: 138.2x 70.6x 10.7mm
    Colori: Bianco, nero, oro

LG L Fino

LG L Fino/L Bello

L’L Fino è un po’ più piccolo del compagno, con un display da 4.5 pollici WVGA (800×480) ed incorpora un processore quad-core a 1,2GHz portando una batteria meno potente ma comunque capiente da 1900 mAh.

    Display: 4,5 pollici 800×480
    Memoria: 1GB di RAM
    Archiviazione: 4GB espandibile via microSD
    Fotocamera: posteriore 8 megapixel, anteriore VGA
    Batteria: 1900mAh
    Sistema Operativo: Android 4.4.2 KitKat
    Connettività: 3G HSPA+
    Dimensioni: 127.5 x 67.9 x 11.9mm
    Colori: Bianco, nero, oro, rosso, verde

LG L Fino/L BelloLG L Fino/L BelloLG L Fino/L Bello

Come già detto LG porterà in esposizione i due smartphone all’IFA 2014 di Berlino, nei primi giorni di settembre mentre il lancio commerciale avverrà nelle prossime settimane.

Via | lgnewsroom.com

LG L Fino e L Bello, due nuovi smartphone per la fascia bassa é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 18:00 di giovedì 21 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "lg, android-4-4-kitkat, anticipazioni"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 14:00

Il Sony Xperia Z3 supera la fase di certificazione dell’agenzia cinese TENAA che pubblica la scheda tecnica confermandone le caratteristiche. La nuova ammiraglia di Sony sarà poco più potente dell’attuale top di gamma Xperia Z2.
Sony Xperia Z3
Nelle ultime ore Sony rilasciato ufficialmente nel mercato l’Xperia C3 – il primo territorio raggiunto è la Russia – uno smartphone di fascia media il cui utilizzo è incentrato sulle selfie grazie alla fotocamera da 5 megapixel.

Il produttore giapponese però ha ben altre carte da giocare prima dell’effettivo arrivo dell’autunno: approfittando dell’IFA 2014 di Berlino, Sony è intenzionata a rinnovare la propria offerta top di gamma sebbene quest’ultima, il Sony Xperia Z2, non è in circolazione che da pochi mesi.

Leggi anche: IFA 2014: Sony Xperia Z3, Z3 Ultra, Z3 Compact rivelati alla fiera?

Alla fiera berlinese dell’elettronica vedremo dunque arrivare il Sony Xperia Z3, dispositivo di cui sono già stati rivelati alcuni dettagli. La nuova ammiraglia della società nipponica ha da poco superato l’iter di certificazione di TENAA, l’agenzia cinese che svolge una funzione simile a quella dell’FCC statunitense che ben conosciamo.

Grazie alla scheda tecnica praticamente completa pubblicata dalla suddetta agenzia possiamo ancora una volta dare un’occhiata a quelle che sono le presunte caratteristiche dello smartphone che vengono confermate rispetto alle indiscrezioni precedenti.

L’Xperia Z3, così come il predecessore Z2, farà uso di un chip Snapdragon 801 modello MSM8974AC con processore quad-core a 2,5GHz, leggermente superiore al modello MSM8974AB a 2,3GHz. Cambiano di poco le misure che passano a 146.5 x 72.4 x 7.35 mm da 146.8 x 73.3 x 8.2mm ed il peso che scende a 158,4g da 164g. Le altre dotazioni rimangono invariate:

Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3Sony Xperia Z3

    Display: 5,2 pollici Full HD
    Sistema Operativo: Android
    Processore: quad-core MSM8974AC a 2,5GHz
    GPU: Adreno 330
    Memoria: 3GB di RAM
    Archiviazione: 16GB espandibile via microSD
    Fotocamera: posteriore 20.7 MP Sony Exmor RS, anteriore 2MP
    Connettività: Bluetooth, FM Radio, WiFi, GPS

La documentazione indica l’esistenza di una variante bianca ed una nera affiancate da un modello “amber”. Entro i primi giorni di settembre vedremo se Sony riuscirà a convincere il pubblico mobile con uno smarphone dotato di un hardware così simile a quello del suo predecessore.

Via | Androidcommunity.com

Sony Xperia Z3 certificato da TENAA, confermate le caratteristiche tecniche é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 16:00 di giovedì 21 agosto 2014.








Author: "Carlo" Tags: "general"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 10:00

The Shakedown è al momento disponibile per iOS, ma dovrebbe arrivare presto per Android. Scommetto che non vedete l’ora!Immagini di The Shakedown

Se devo essere davvero sincero, pensavo che Yo fosse l’abisso peggiore in cui l’ecosistema mondiale delle app potesse sprofondare, ma The Shakedown a modo suo riesce a surclassare tale “genio” - Magari assieme a Swing Copters, uscito proprio oggi.

The Shakedown è un gioco di società, ma è anche estremamente irritante. Funziona quando un gruppo di amici decide di scaricarlo per… Farsi del male. A quel punto, ogni giocatore ottiene 10.000 punti. Per giocare è sufficiente selezionare uno dei nostri amici che abbiamo su un social network come Facebook e Twitter, e poi agitare il telefono violentemente. Questo sottrarrà punti all’avversario, e ne aggiungerà a noi. Potete andare avanti tutto il giorno a farlo, per inciso. Anzi, è quello che il gioco vuole.

Immagini di The Shakedown

LEGGI ANCHE: Yo, l’app che invia un solo messaggio (ed è “Yo”)

Se vi state chiedendo dove sia il senso di questo gioco, ebbene non c’è. È più o meno come fregarsi penne a scuola, o giocare allo schiaffo del soldato. Con la differenza che non c’è neppure bisogno di un contatto diretto, ovviamente. E se siete preoccupati del vostro gruzzolo di punti, è sufficiente pagare 99 centesimi di dollaro allo sviluppatore per mettere il vostro “investimento” al sicuro per qualche tempo.

Questa app è alla fine uno scherzo, come ce ne sono stati altri. Lo sviluppatore ha persino detto di averci pensato quando aveva la febbre, e che lui stesso la trova una pessima idea - però come abbiamo visto con Yo, certe volte gli scherzi portano a qualcosa di buono. Non necessariamente per gli utenti, badate bene, ma sicuramente per le tasche di chi è al posto giusto, al momento giusto, ed è capace di sviluppare una piccola app sbarazzina.

Immagini di The Shakedown

The Shakedown, l'ennesima app per tormentare e farsi tormentare dagli amici é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 12:00 di giovedì 21 agosto 2014.








Author: "Francesco Lanza" Tags: "app-store, giochi, google-play-store"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 08:10

Dong Nguyen è stato vittima di pesanti (e diciamocelo: insensate) crisi personali dopo aver commercializzato il suo primo, incredibile successo Flappy Bird. Distrutto dai sensi di colpa per aver creato un gioco che causava troppa dipendenza, ha giurato di cambiare strada.

Forse sarò io, ma mi sembra che la sua risoluzione interiore facesse un po’ acqua, dato che Swing Copters, il suo nuovo gioco, è una versione ancora più difficile e frustrante del suo “capolavoro” Flappy Bird. Uscito oggi sull’Apple App Store e su Google Play Store, Swing Copters ci conferisce il controllo di un elicotterino poco controllabile e dotato di chiari istinti suicidi.

Swing Copters, il nuovo parto dell'erede di Flappy Bird

APPROFONDIMENTO: Flappy Bird rimosso dagli app store, il creatore “non ce la faceva più”

Al contrario del vecchio Flappy Bird, uno Swing Copter vola naturalmente verso l’alto, e ogni tap ci porta a cambiare direzione oscillando violentemente verso di essa. Tutto bene, non fosse che ci sono dei martelli che ondeggiano attaccati a delle piattaforme a farci da ostacolo semi-mobile.

Swing Copters, il nuovo parto dell'erede di Flappy BirdSwing Copters, il nuovo parto dell'erede di Flappy BirdSwing Copters, il nuovo parto dell'erede di Flappy BirdSwing Copters, il nuovo parto dell'erede di Flappy BirdSwing Copters, il nuovo parto dell'erede di Flappy Bird

Lasciatevelo dire: se Flappy Bird vi sembrava difficile, non era comunque arduo come Swing Copters. Questo secondo gioco è semplicemente peggio, e per la media dei giocatori che ho interpellato (sono solo due, ma sono intrepidi), risulta essere un po’ troppo frustrante per essere divertente. Io, che sono davvero imbranato e con una pessima capacità di concentrazione nei giochi, avrei detto lo stesso anche di Flappy Bird.

Personalmente ritengo difficile che Dong Nguyen sia in gado di bissare il successo del suo masterpiece dalla grafica pixelosa, ma avrei decretato del tutto impossibile anche il suo exploit originario ai “botteghini” dell’app store. Swing Copters è gratuito, con pubblicità in-app scarsamente invasiva

Swing Copters, esce l'erede ufficiale di Flappy Bird é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 10:10 di giovedì 21 agosto 2014.








Author: "Francesco Lanza" Tags: "giochi, google-play-store"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 20 Aug 2014 16:00

nexus7_lock_screen-820x420

AGGIORNAMENTO 20 agosto 2014

1Password oggi passa alla versione 4.1, e svela alcune nuove feature che lo rendono ancora più utile e interessante. Dal 18 agosto il popolare programma di gestione delle password non è più gratuito, ma la buona notizia è che da oggi passa a un modello freemium, in cui alcune feature principali rimangono gratuite.

Con la 4.1 arriva finalmente anche la desiderata localizzazione in lingua italiana, che consente anche a chi non mastica troppo bene l’inglese di gestire la propria sicurezza. Comprare la versione completa di 1Password costa caro, almeno per quanto riguarda il mondo delle app: parliamo $9.99

Una delle caratteristiche più utili di 1Password è quella di funzionare sincronizzando tutti i nostri sistemi. Questo vuol dire che le nostre scelte di sicurezza varranno tanto per lo smartphone quanto per il nostro laptop o sistema desktop. La versione gratuita consentirà di visualizzare e cancellare elementi della lista della nostra “vault”, ovverosia lo schedario delle nostre password gestite da 1Password. Il livello di crittografia è “militare”, con AES-256 e Encrypt-then-MAC.

La versione completa ora consente di creare password dal vostro device mobile, una feature che pare naturale ma finora impossibile. Tramite essa si possono anche organizzare in cartelle le varie voci della nostra lista. Se avete una pletora di servizi protetti da password, è un software letteralmente perfetto.

Via | 1Password Blog

11 giugno

1passwordSi chiama 1Password ed è un’applicazione che, da oggi disponibile pure su Android, sarà conosciuta senz’altro da tutti i possessori di Mac, visto che è un software molto importante per il salvataggio di dati personali, password, login e non solo. Il programma non è certo uno di quei softwaruncoli che si trovano sparsi nel Google PlayStore (che offre, però, anche programmi decisamente all’altezza delle aspettative): si tratta di un’applicazione a pagamento, ma che offre grandi vantaggi (tra l’altro, potrete provarla gratuitamente fino al prossimo primo agosto: questo è l’indirizzo per scaricarla).

Il funzionamento di 1Password è molto semplice: il programma memorizza per voi tutte le password che usate per accedere ai diversi programmi e, una volta effettuato il login, tutti codici saranno sincronizzati con i nostri sistemi: semplice e sicuro, no? Ci preme sottolineare soprattutto quest’ultimo aspetto: 1Password riesce a gestire tutte le password da una qualsiasi piattaforma, e lo fa garantendovi grande sicurezza, visto che supporta la crittografia AES-256 ed Encrypt-then-MAC; Auto-Lock, inoltre, proteggerà i vostri dati anche se telefono o tablet dovessero venire persi o rubati.

Scopri cos’ha di strano questa cinepresa!

Le caratteristiche di 1Password

Vediamo subito le principali caratteristiche di 1Password:

  • Creazione, modifica e uso di qualsiasi tipo di accesso: carte di credito, Secure Notes, passaporti, conti bancari e molto altro ancora;
  • Selezione degli accessi più utilizzati come preferiti;
  • Organizzazione in cartelle;
  • Consultazione degli allegati aggiunti da PC o Mac;
  • Possibilità di usare un potete motore di ricerca;
  • Supporto a Dropbox.

Cinque video YouTube che ti faranno morire dal ridere!

Certo, esistono anche valide alternative: Handy Safe, Last Pass, KeePass, Norton Identity Safe Password e molte altre ancora, tutte decisamente apprezzabili; noi, però, vi consigliamo di non sottovalutare le prestazioni di 1Password: buona scelta!

Via | 9to5Google1Password, le novità e le feature

1Password, le novità e le feature

1Password, le novità e le feature1Password, le novità e le feature1Password, le novità e le feature1Password, le novità e le feature1Password, le novità e le feature1Password, le novità e le feature1Password, le novità e le feature1Password, le novità e le feature

1Password su Android per gestire tutte le password con una sola applicazione é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 18:00 di mercoledì 20 agosto 2014.








Author: "Michele Rainone" Tags: "varie, security"
Comments Send by mail Print  Save  Delicious 
Next page
» You can also retrieve older items : Read
» © All content and copyrights belong to their respective authors.«
» © FeedShow - Online RSS Feeds Reader