• Shortcuts : 'n' next unread feed - 'p' previous unread feed • Styles : 1 2

» Publishers, Monetize your RSS feeds with FeedShow:  More infos  (Show/Hide Ads)


Date: Friday, 22 Aug 2014 12:50

Apple annuncerà i due iPhone 6 nel corso dell’evento programmato il 9 settembre, quindi la produzione dei nuovi smartphone è stata già avviata da diversi mesi. I fornitori devono rispettare le scadenze imposte dall’azienda di Cupertino, ma non sempre ciò è possibile, soprattutto quando deve essere realizzato un prodotto innovativo. Secondo Reuters, un problema relativo al display potrebbe ritardare il lancio sul mercato del modello da 4,7 pollici oppure limitare il numero di unità nei magazzini.

In base alle ultime indiscrezioni, Apple presenterà entrambi i modelli all’inizio del prossimo mese, ma porterà sul mercato prima l’iPhone 6 da 4,7 pollici (fine settembre/inizio ottobre), mentre le vendite dell’iPhone 6 da 5,5 pollici inizieranno nei mesi successivi. Per cercare di ridurre lo spessore dello smartphone, Apple aveva deciso di realizzare un display con un singolo strato per la retroilluminazione, utilizzando la tecnologia in-cell. Purtroppo i test hanno evidenziato una luminosità inferiore rispetto agli standard prefissati, per cui i produttori dei pannelli (Japan Display, Sharp e LG Display) hanno dovuto aggiungere un secondo layer. Ciò ha causato l’interruzione della catena produttiva e l’insorgere di un cospicuo ritardo (oltre un mese).

Il problema è stato risolto e la produzione è ripresa a pieno ritmo per cercare di recuperare il tempo perduto. Non è chiaro però se questo intoppo avrà ripercussioni negative sulle scorte di magazzino o, peggio ancora, sulla data di lancio dell’iPhone 6 da 4,7 pollici, il modello che rappresenterà sicuramente la maggiore fonte di profitto.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Apple, Smartphone, apple, display, iphon..."
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 22 Aug 2014 10:36

Tre mesi fa, Google ha presentato un prototipo di auto a guida autonoma, priva di volante e pedali. A differenza delle precedenti self-driving car, derivate da veicoli standard prodotti da Toyota e Lexus, tutto viene affidato ad un complesso sistema formato da telecamere, sensori e software. In attesa dei primi test su strade reali, l’azienda di Mountain View ha progettato un simulatore digitale dell’intera rete stradale della California.

La simulazione ha permesso di guidare “virtualmente” le auto per oltre 4 milioni di miglia, verificando le risposte dei veicoli agli eventuali pericoli reali, come cambi di corsia improvvisi da parte degli altri automobilisti, presenza di ciclisti e comportamenti imprevedibili dei pedoni. Secondo Ron Medford, responsabile della sicurezza del Google Self-Driving Car Project, ritiene che le simulazioni al computer permettano di valutare la qualità del software in modo più approfondito rispetto ai test su strada. Per questo motivo, l’azienda ha chiesto modifiche all’attuale normativa che impone test solo nel mondo reale.

Purtroppo per Google, le attività di lobbying non hanno avuto successo (per adesso). Anzi, il Department of Motor Vehicles (DMV) della California ha confermato che le regole attuali consentono di effettuare test sulle strade pubbliche solo in condizioni controllate. Ciò significa che gli ingegneri Google dovranno aggiungere volante e pedali (acceleratore e freno) alle loro self-driving car. L’azienda di Mountain View ha investito miliardi di dollari nel progetto, quindi ha deciso di soddisfare le richieste, installando i pedali e un piccolo volante provvisorio che permettono al guidatore di intervenire in caso di problemi.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Google, Motori, automobile, automotive, ..."
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 22 Aug 2014 08:50

Per un’esperienza di gioco soddisfacente è oggi necessario utilizzare un potente computer o una console di nuova generazione. Microsoft immagina però un futuro in cui sarà sufficiente possedere un tablet o uno smartphone per giocare online, sfruttando il mobile cloud gaming. I ricercatori dell’azienda di Redmond hanno sviluppato un sistema di esecuzione speculativa, denominato DeLorean, che permette di risolvere il problema della latenza.

Il cloud gaming potrebbe mandare definitivamente in pensione le attuali Xbox One e PlayStation 4, consentendo agli utenti di giocare a qualsiasi titolo in qualsiasi momento. Ma prima di poter offrire una simile esperienza di gioco è necessario trovare una soluzione all’eccessivo ritardo tra l’input e l’output. Il cloud gaming richiede infatti una bassa latenza, ovvero un ridotto intervallo di tempo tra i comandi inviati ai server, sui quali avviene il rendering delle immagini, e la visualizzazione dei frame sul dispositivo dell’utente.

Il round trip time (RTT) delle reti cablate, delle reti cellulari e del WiFi può superare i 100 millisecondi, una soglia oltre la quale il tempo di risposta diventa inaccettabile. Il nuovo sistema di esecuzione speculativa progettato da Microsoft Research è in grado di mascherare latenza di rete fino a 250 millisecondi. DeLorean, in pratica, nasconde al client il ritardo tra input e output, utilizzando una combinazione di quattro tecniche: future input prediction, state space subsampling and time shifting, misprediction compensation e bandwidth compression. Il funzionamento del sistema è descritto in dettaglio nel paper pubblicato da Microsoft.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Microsoft, Videogiochi, videogiochi"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 22 Aug 2014 07:00

Il successore di Windows 8 verrà presentato ufficialmente il 30 settembre. In base alle informazioni ricevute da The Verge, Microsoft ha organizzato un evento stampa per illustrare le novità di Threshold, il nome in codice usato per indicare Windows 9. Dato che da Redmond non è arrivata nessuna comunicazione, la data potrebbe cambiare nei prossimi giorni. Tuttavia, l’indiscrezione conferma la notizia trapelata tre giorni fa.

Il nome “commerciale” del sistema operativo non è noto, ma difficilmente Microsoft utilizzerà il numero 8. Il motivo sembra piuttosto evidente: gli utenti non hanno accettato il cambiamento radicale dell’interfaccia da Windows 7 a Windows 8. Per questo motivo, nonostante le numerose ottimizzazioni, l’attuale release possiede una quota di mercato molto bassa (12,48%, secondo Net Applications). Quindi appare improbabile un Windows 8.2 o un Windows 8.5. Meglio Windows 9 per indicare un netto distacco rispetto a Windows 8 e un ritorno al passato. Infatti, le nuove funzionalità sono principalmente indirizzate all’ambiente desktop.

Durante l’evento del 30 settembre, Microsoft mostrerà sicuramente il nuovo menu Start. Nuovo perché non esiste su Windows 8.1 e perché sarà diverso da quello presente su Windows 7. Oltre alle applicazioni desktop, permetterà di avviare anche le app Modern. L’utente potrà personalizzare il menu, aggiungendo ed eliminando le live tile. La Charms bar verrà rimossa e le tutte le opzioni (ricerca, stampa, condivisione, ecc.) saranno integrate direttamente nella barra delle app Modern.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Microsoft, Software e App, windows 8, Wi..."
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Friday, 22 Aug 2014 07:00

Anche un lavoro impegnativo e noioso come le pulizie di casa può trasformarsi in qualcosa di divertente e piacevole, se lo si affronta con il giusto stato d’animo e in compagnia delle persone che si amano. In questo nuovo filmato promozionale, intitolato “Super Cleaners”, Facebook racconta come una mamma è riuscita a farsi dare una mano dai suoi figli per rimettere in ordine l’abitazione, semplicemente facendoli diventare dei supereroi improvvisati. Ovviamente poi il risultato è stato condiviso sulla bacheca del social network, ottenendo così l’approvazione degli amici.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Cristiano Ghidotti" Tags: "Web e Social, facebook, social network"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 13:47

Il produttore asiatico ha annunciato due nuovi modelli della serie L, basati su Android 4.4.2, che verranno mostrati durante l’IFA di Berlino all’inizio di settembre. Gli LG L Bello e L Fino sono stati pensati per una clientela giovane che usano spesso il proprio smartphone come fotocamera e per coloro che acquistano il loro primo dispositivo mobile. I prezzi non sono stati comunicati, ma si conosceranno quando i due prodotti arriveranno sul mercato (prima in America Latina e, successivamente, in Europa e Asia).

Prima di descrivere le caratteristiche dei nuovi smartphone è opportuna una premessa. Per un italiano i nomi scelti da LG suscitano sicuramente una certa ilarità, ma probabilmente la divisione marketing avrà fatto altre considerazioni. Forse ai coreani piace il suono delle parole “bello” e “fino”. Detto questo, veniamo alle specifiche tecniche. LG L Bello possiede un display IPS da 5 pollici con risoluzione FWVGA (854×480 pixel, 196 ppi), mentre LG L Fino ha uno schermo da 4,5 pollici con risoluzione WVGA (800×480 pixel, 207 ppi).

Per entrambi è stato scelto un processore quad core (è ipotizzabile uno Snapdragon 400), ma la frequenza è 1,3 GHz per LG L Bello e 1,2 GHz per LG L Fino. Identici anche la dotazione di RAM (1 GB) e la fotocamera posteriore (8 Megapixel). Diversa invece la quantità di memoria interna (8 GB per LG L Bello e 4 GB per LG L Fino) e la fotocamera frontale (1 Megapixel e VGA, rispettivamente). La capacità della batteria è 2.540 mAh per LG L Bello e 1.900 mAh per LG L Fino. I due terminali supportano solo reti 3G (HSPA+ fino a 21 Mbps).

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Smartphone, android, lg"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 12:00

Frontier’s Edge è il titolo del nuovo pacchetto d’espansione destinato a Titanfall, già disponibile sulle piattaforme PC e Xbox One, in arrivo a breve anche per la versione Xbox 360 del gioco. Al suo interno il team di Respawn Entertainment ha incluso tre mappe (Scavi, Export e Oasi), così da introdurre nuove sfide e aumentare la longevità complessiva. Ambientazioni inedite grazie alle quali è possibile sperimentare nuovi stili di combattimento. Il DLC è in vendita al prezzo di 9,99 euro, scaricabile gratuitamente da tutti coloro che sono in possesso del Season Pass per il download dei contenuti aggiuntivi.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Cristiano Ghidotti" Tags: "Videogiochi, videogiochi"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 10:56

Opera Software ha annunciato la sottoscrizione di un accordo di licenza con Microsoft, in base al quale Opera Mini diventa il browser predefinito dei cellulari Nokia Asha, Serie 30+ e Serie 40. Come è noto, l’azienda di Redmond ha deciso di interrompere la produzione dei feature phone Asha e S40, mentre continuerà il supporto per la Serie 30+, come testimoniato dal recente Nokia 130. Opera Mini verrà preinstallato sui nuovi prodotti, mentre gli utenti che usano l’attuale browser (Xpress) saranno incoraggiati all’upgrade.

Opera Mini è uno dei browser più popolari con circa 250 milioni di utenti in tutto il mondo, 100 milioni dei quali usano smartphone Android. La sua principale caratteristica è rappresentata dalla tecnologia di compressione che permette di ridurre il consumo del traffico dati. Quando l’utente apre un sito con Opera Mini, i contenuti vengono prima elaborati dai proxy server della software house norvegese, che comprimono le pagine e quindi inviano al cellulare una loro versione ottimizzata per dispositivi di fascia bassa. Questa operazione incrementa anche la velocità di trasferimento da due a tre volte.

I feature phone di Microsoft con display a bassa risoluzione, come il Nokia 130 (160×128 pixel), beneficeranno inoltre della modalità Small-Screen Rendering (SSR). Il formato delle pagine web viene modificato per mostrare i contenuti in un singola colonna che può essere visualizzata con uno scrolling verticale.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Software e App, Microsoft, nokia, opera"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 09:04

Skype ha annunciato una nuova funzionalità, denominata active endpoint, progettata per inviare le notifiche solo al dispositivo che l’utente sta usando in un determinato momento. Ciò significa che la ricezione di un messaggio non verrà notificata sullo smartphone e sul tablet se ci si trova davanti al computer. Si tratta di una novità che verrà sicuramente apprezzata da coloro che usano il client VoIP su diversi dispositivi. È necessario però installare l’ultima versione dell’applicazione.

Per sottolineare l’importanza della funzionalità, Microsoft ha usato la frase “il passo successivo del nostro viaggio per offrire la migliore esperienza possibile su tutti i dispositivi”. In precedenza, infatti, l’azienda di Redmond aveva risolto un altro problema, ovvero la sincronizzazione dei messaggi letti tra multipli device. Il sistema delle notifiche è diventato ora più smart, in quanto Skype può rilevare il dispositivo che l’utente sta usando. Se è stato effettuato il login su smartphone, tablet e notebook, ma l’attuale conversazione avviene sul tablet, il client VoIP recapiterà le notifiche chat solo sul tablet. Tutti gli altri device rimarranno in silenzio.

Quando l’utente termina la sessione di chat sul tablet, Skype invierà le notifiche su tutti i dispositivi. Se si risponde dallo smartphone, il tablet e il notebook rimarranno in silenzio. È quindi possibile riprendere la conversazione dal punto in cui era stata interrotta. Le notifiche relative alle chiamate saranno ancora inviate a tutti i device per consentire di rispondere indifferentemente da tablet, smartphone e computer.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Microsoft, Software e App, skype"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 08:30

Google ha annunciato la disponibilità dell’app Photo Sphere Camera per iOS. Photo Sphere è il nome della modalità di scatto, presente nell’applicazione Google Fotocamera per Android, che permette di creare un’immagine panoramica a 360 gradi di un luogo, collegando tra loro più foto scattate in sequenza. Il risultato è appunto una foto sferica navigabile in modo simile a Street View su Google Maps. La funzionalità è stata svelata in occasione del lancio di Android 4.2.

Le foto a 360 gradi non sono una novità per gli smartphone. Apple, ad esempio, ha integrato la modalità Panorama in iOS 6, ma oggi esistono numerose app che svolgono la stessa funzione (Sphere, 360 Panorama, Cycloramic, ecc.). Quello che rende Photo Sphere differente è la possibilità di catturare tutto ciò che circonda l’utente, quindi non solo a destra e a sinistra, ma anche sopra e sotto, ottenendo la stessa esperienza di navigazione di Google Street View. La procedura per creare l’immagine panoramica è analoga a quella su Android e, quindi, esiste lo stesso problema di “stitching”.

La combinazione automatica delle foto scattate in sequenza avviene centrando il pallino arancione all’interno del cerchio. L’utente deve quindi seguire i pallini per tutta l’area che intende acquisire. Se però il pallino non viene perfettamente centrato nel cerchio, nell’immagine finale saranno visibili i punti di contatto tra le varie foto. Con un po’ di pratica si possono comunque ottenere foto panoramiche di alta qualità.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Apple, Google, google, ios, iphone"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 07:00

Il social network è una piattaforma virtuale la cui utilità principale è quella di mantenere in contatto le persone nel mondo reale. In che modo? Prova a spiegarlo il gruppo guidato da Mark Zuckerberg, con un nuovo video caricato su YouTube e intitolato “Summer Friendly”. Un gruppo di amici utilizza Facebook per organizzare una partita di calcio al parco, chiamando all’appello tutti i partecipanti disponibili per dar vita ad un match in piena regola. È l’ennesima clip realizzata dall’azienda di Menlo Park per focalizzare l’attenzione sull’importanza dell’amicizia al di fuori del social network.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Cristiano Ghidotti" Tags: "Web e Social, facebook, social network"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Thursday, 21 Aug 2014 07:00

Samsung e Nook Media, sussidiaria di Barnes & Noble hanno annunciato ufficialmente il primo tablet nato dalla collaborazione tra le due aziende. Il Samsung Galaxy Tab 4 Nook, come si deduce chiaramente dal nome, è un normale Galaxy Tab 4 da 7 pollici personalizzato con i software Nook. Il dispositivo può essere acquistato online e nelle 660 librerie Barnes & Noble degli Stati Uniti ad un prezzo di 179 dollari. Difficilmente il nuovo tablet arriverà in Italia.

Dopo aver inutilmente tentato di contrastare Amazon nel settore degli ebook reader, Barnes & Nobles ha iniziato a produrre tablet dal 2012. Anche questa volta però le preferenze degli utenti sono andate verso i Kindle Fire, quindi l’azienda ha deciso di puntare esclusivamente sulla vendita dei libri, affidando a Samsung il compito di realizzare nuovi tablet. Il Samsung Galaxy Tab 4 Nook è il primo dispositivo nato dalla partnership tra le due aziende. Le specifiche tecniche sono le stesse del gemello, annunciato all’inizio di aprile.

Oltre allo schermo da 7 pollici con risoluzione di 1280×800 pixel, il dispositivo integra un processore quad core da 1,2 GHz, 1,5 GB di RAM, 8 GB di memoria interna (espandibile con micro SD fino a 32 GB), fotocamera posteriore da 3 Megapixel, fotocamera frontale da 1,3 Megapixel, WiFi, GPS, Bluetooth 4.0 e porta micro USB 2.0. Il sistema operativo è Android 4.4 KitKat. L’interfaccia, le icone e le funzionalità sono le stesse del normale tablet Samsung, ma sulla home è presente un widget che permette di accedere alla propria libreria e al Nook Shop. Oltre che dallo store di Barnes & Noble, l’utente può acquistare e scaricare le app da Google Play e dal Samsung Hub, quindi il Galaxy Tab 4 Nook offre un catalogo di maggiori dimensioni rispetto ai Kindle Fire.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Tablet, barnes & noble, Samsung, tablet"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 20 Aug 2014 13:44

Circa tre mesi fa era trapelata l’indiscrezione secondo la quale Apple avrebbe scelto una maggiore definizione per i display dei nuovi smartphone. Gli iPhone 6 dovrebbero integrare un pannello Super Retina a 960×1704 pixel, consentendo una visualizzazione più nitida dei contenuti. Analizzando il codice di iOS 8 beta 6, rilasciato da poche ore, è stata scoperta un’altra ipotetica risoluzione: 828×1472 pixel. La stessa fonte considera invece meno probabile una risoluzione Retina 3X, corrispondente a 1242×2208 pixel, quindi oltre il full HD.

Durante la presentazione dell’iPhone 4, Steve Jobs presentò il display Retina, sottolineando la densità per pixel (326 ppi), superiore al “numero magico” 300 ppi, ovvero al limite visivo dell’occhio umano. Lo schermo dell’iPhone 4 (e del successore iPhone 4S) ha una diagonale di 3,5 pollici, quindi per ottenere un numero di pixel per pollice superiore a 300 su display di 4,7 e 5,5 pollici è necessario incrementare la risoluzione. Con 960×1704 pixel si raggiungerebbero i 416 ppi per il modello da 4,7 pollici e 355 ppi per quello da 5,5 pollici.

Nell’applicazione SpringBoard di iOS 8 beta 6 è stato scoperto un riferimento alla risoluzione 828×1472 pixel. SpringBoard è il nome usato da Apple per indicare la schermata Home. Il nome del file che specifica la dimensione e la posizione delle icone contiene i numeri 414 e 736, corrispondenti rispettivamente alla larghezza e all’altezza in pixel del display. Dato che la reale risoluzione si ricava raddoppiando questi valori, il risultato è 828×1472 pixel.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Apple, Smartphone, apple, ios, iphone 6"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 20 Aug 2014 11:25

Microsoft ha annunciato che, a partire da oggi, il Lumia 530 è disponibile in Italia al prezzo di 99 euro. Il nuovo smartphone entry level è basato su Windows Phone 8.1, quindi offre tutte le funzionalità che si trovano nei modelli di fascia superiore, oltre alle applicazioni e ai servizi dell’azienda di Redmond, tra cui Internet Explorer 11, Office e OneDrive. Come i recenti Lumia 930 e 630/635, il dispositivo è già aggiornato con l’ultimo firmware Cyan.

Il Nokia Lumia 530, annunciato ufficialmente a fine luglio, possiede un display ampio 4 pollici con risoluzione pari a 854×480 pixel ed integra un processore quad core Qualcomm Snapdragon 200 a 1,2 GHz, 512 MB di RAM e 4 GB di memoria flash, espandibile con microSD fino a 128 GB. Come nel suo predecessore, è presente solo la fotocamera posteriore da 5 Megapixel a focale fissa e senza flash LED. I fanatici dei selfie dovranno quindi optare per altri modelli, decisamente più costosi.

La connettività è garantita da WiFi 802.11b/g/n, Bluetooth 4.0, micro USB e GPS. La batteria da 1.430 mAh permette di raggiungere un’autonomia di 10 ore in conversazione 3G e di 22 giorni in stand-by. In generale, le specifiche tecniche del Lumia 530 sono decisamente migliori rispetto a quelle del Lumia 520, tuttavia la dimensione dello storage è dimezzata (da 8 a 4 GB). Gli utenti possono comunque sfruttare il recente raddoppio (da 7 a 15 GB) dello spazio su OneDrive.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Microsoft, Prezzi e tariffe, Smartphone,..."
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 20 Aug 2014 10:11

Microsoft ha rilasciato una nuova versione di OneNote per Android che introduce un migliore supporto per il disegno e la scrittura a mano libera, nuove opzioni di formattazione e un’interfaccia ottimizzata per i tablet. Gli utenti che invece usano OneNote per Windows 8.1 potranno stampare le note, inserire gli allegati e usare l’evidenziatore. Tutte le novità sono state espressamente pensate per gli studenti che seguono le lezioni con il proprio dispositivo mobile.

La scrittura a mano libera è una delle funzionalità più richieste. OneNote per Android permette ora di prendere appunti con la stilo e con le dita, eliminando per sempre carta e penna. Come sempre, le note verranno salvate automaticamente su OneDrive e sincronizzate tra tutti i dispositivi. Utilizzando l’inchiostro digitale è possibile inserire annotazioni ai contenuti (testo, immagini e screenshot), selezionando colore e spessore del tratto. L’update consente inoltre di cambiare il colore delle pagine e aggiungere una griglia o linee, come in un quaderno di carta.

Microsoft ha infine apportato profonde modifiche all’interfaccia dell’applicazione per semplificare la navigazione tra notebook, sezioni e pagine sui tablet. Nella Ribbon sono ora presenti nuove opzioni di formattazione (tipo, dimensione e colore del carattere, colore dell’evidenziatore, allineamento del testo e stili dell’intestazione). È inoltre possibile inserire le etichette per le note.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Microsoft, Software e App, android, onen..."
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 20 Aug 2014 08:43

Esattamente un anno dopo aver annunciato le sue dimissioni da CEO, Steve Ballmer lascia definitivamente Microsoft dopo 34 anni. Con una lettera inviata a Satya Nadella, il nuovo proprietario dei Los Angeles Clippers ha comunicato le dimissioni dal consiglio di amministrazione. Ballmer rimane comunque il maggior azionista dell’azienda di Redmond.

Steve Ballmer ha condizionato e influenzato le scelte di Microsoft per oltre 10 anni. Nonostante venga ricordato soprattutto per i suoi errori, sotto la sua guida sono stati annunciati diversi prodotti di successo che si trovano ancora oggi nelle case degli utenti e nelle aziende, come Windows XP, Xbox 360 e Windows 7. Ballmer ha avviato una completa riorganizzazione interna, aiutando Nadella durante i primi mesi della transizione verso il mobile. Negli ultimi mesi, l’ex CEO ed ex membro del consiglio di amministrazione ha dedicato poco tempo all’azienda di Redmond. Questo è il principale motivo che ha portato alle nuove dimissioni.

Nella lunga lettera di addio, Ballmer conferma il suo appoggio per Nadella e la fiducia nella strategia “mobile first, cloud first”, sottolineando però che i profitti maggiori si ottengono dagli abbonamenti enterprise, dall’hardware e dall’advertising. Ballmer spera di rimanere ancora a lungo il maggior azionista di Microsoft e promette di supportare le future decisioni del consiglio di amministrazione.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Business, Microsoft, steve ballmer"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 20 Aug 2014 07:00

Per la prima volta dal 1991, quest’anno non ci sarà nessuna nuova versione di Norton Antivirus. Symantec ha infatti deciso di ridurre il numero dei prodotti dedicati alla sicurezza da nove ad uno. Il nome della soluzione che verrà annunciata a settembre è Norton Security, includerà tutte le funzionalità e sarà disponibile in due versioni, con o senza backup sul cloud. L’azienda statunitense permetterà agli utenti di sottoscrivere un unico abbonamento, indipendentemente dal sistema operativo.

Rispetto a qualche anno fa, quando il mondo era dominato dai PC, la protezione dei dati personali è diventato un compito molto più complesso, in quanto la vita digitale degli utenti non viene conservata solo sul desktop, ma soprattutto sui dispositivi mobile. Per garantire la massima sicurezza, Symantec ha sviluppato soluzioni specifiche per ogni piattaforma (Windows, Mac, iOS e Android), integrando avanzate tecnologie ottimizzate per un determinato device. Dal 23 settembre sarà in vendita un unico prodotto per tutti i sistemi operativi, Norton Security, di cui è già disponibile una beta pubblica.

Symantec ha scelto un modello di business simile ad Office 365 che, in questo caso, potrebbe essere definito “Antivirus-as-a-Service“. Sottoscrivendo un abbonamento annuale (il costo non è ancora noto), gli utenti potranno associare allo stesso account fino a cinque dispositivi. La versione più costosa includerà il servizio di cloud storage SwapDrive, che consentirà di effettuare il backup di foto, video e altri file personali. In questo caso, l’abbonamento coprirà fino a 10 dispositivi.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Software e App, antivirus, norton, syman..."
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Wednesday, 20 Aug 2014 07:00

Il publisher Electronic Arts e la software house DICE hanno rilasciato un nuovo trailer dedicato allo sparatutto Battlefield 4, più in particolare al pacchetto d’espansione intitolato Dragon’s Teeth. I contenuti introdotti da questo DLC si basano soprattutto sulle unità di fanteria, con quattro nuove mappe ambientate all’interno di scenari di guerriglia nelle affollate città dell’estremo oriente. C’è anche l’inedita modalità Catena di Link che rende più profondi e strategici gli scontri multigiocatore, oltre al letale veicolo terrestre RAWR senza pilota, dotato di mitragliatrice e lanciagranate.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Cristiano Ghidotti" Tags: "Videogiochi, videogiochi"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Tuesday, 19 Aug 2014 15:44

L’immagine in alto non è photoshoppata, ma raffigura la versione Windows Phone del famoso HTC One (M8). L’azienda taiwanese ha ufficialmente annunciato il primo smartphone basato sul sistema operativo Microsoft con design, materiali e specifiche tecniche identici al modello Android. La scelta del nome però non è molto felice: HTC One (M8) for Windows. I Nokia Lumia di fascia alta hanno ora un concorrente, sebbene il dispositivo sia offerto in esclusiva da Verizon Wireless negli Stati Uniti.

Con il lancio del nuovo smartphone, HTC ritorna al passato. Nel 2012, il produttore asiatico aveva infatti presentato gli HTC Windows Phone 8X e 8S ma, visto lo scarso successo ottenuto, sembrava che tutte le risorse fossero state spostate su Android. I recenti aggiornamenti di Windows Phone, in particolare il GDR3 di Windows Phone 8 che ha aggiunto il supporto per i display full HD e i processori quad core, ha permesso ad HTC di riutilizzare il suo smartphone di punta, cambiando solo il sistema operativo. Esteticamente, infatti, le uniche differenze sono i due logo Verizon e Windows Phone.

Le specifiche hardware sono l’esatta copia di quelle del gemello Android. HTC One (M8) for Windows possiede quindi uno schermo full HD da 5 pollici e integra un processore Qualcomm Snapdragon 801 a 2,3 GHz, 2 GB di RAM, 32 GB di memoria flash (espandibile con schede microSD fino a 128 GB), fotocamere UltraPixel (posteriore) e da 5 Megapixel (anteriore), speaker BoomSound, micro USB, WiFi 802.11ac dual band, NFC, Bluetooth 4.0 e LTE. Anche la capacità della batteria è la stessa (2.600 mAh), ma si prevede una maggiore autonomia rispetto al modello Android.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Smartphone, htc, htc one, windows phone"
Send by mail Print  Save  Delicious 
Date: Tuesday, 19 Aug 2014 13:03

Nonostante alcune caratteristiche interessanti, le prime recensioni pubblicate online hanno bocciato il Fire Phone di Amazon. L’azienda di Seattle ha rilasciato una nuova versione del sistema operativo che migliora le funzionalità esistenti e ne aggiunge di nuove. Dopo aver installato l’update Fire OS 3.5.1, gli utenti che hanno acquistato lo smartphone noteranno diverse novità rispetto alle release iniziale. Il Fire Phone, annunciato a fine giugno, è attualmente disponibile tramite l’operatore AT&T.

L’aggiornamento introduce una funzionalità che non dovrebbe mancare su nessun dispositivo mobile, ovvero la possibilità di passare da un’app all’altra e di chiuderle per limitare i consumi. Fire OS 3.5.1 include ora il Quick Switch, che viene attivato premendo due volte il tasto Home. L’utente può aprire un’app con un tap oppure eliminarla dalla memoria con uno swipe verso l’alto. Per mantenere più ordinata la propria collezione di contenuti è possibile ora creare le App Grid Collections (le cartelle, in pratica). In modo analogo agli altri sistemi operativi, è sufficiente trascinare l’icona di un elemento (app, video, libri, ecc.) su un’altra della stessa categoria e assegnare un nome.

La nuova versione del sistema operativo permette anche di effettuare il Carousel Pinning. Basta toccare l’icona di un oggetto e selezionare la voce “Pin to Front” nel menu. La stessa gesture consente di eliminarlo dalla Home, scegliendo la voce “Remove from Carousel”. Un’altra novità interessante sono le foto lenticolari. L’utente può creare l’illusione ottica di un’immagine in movimento, catturando fino a 11 scatti che vengono combinati tra loro. L’app Photos convertirà le immagini lenticolari in GIF animate.

Leggi il resto dell’articolo

Author: "Luca Colantuoni" Tags: "Smartphone, Software e App, amazon, andr..."
Send by mail Print  Save  Delicious 
Next page
» You can also retrieve older items : Read
» © All content and copyrights belong to their respective authors.«
» © FeedShow - Online RSS Feeds Reader